Marco Liorni: “Il regalo più bello per i cinquant’anni? Le nozze con la mia Giovanna!”

Di Edicola - 15 luglio 2015 09:07:05

Nuovo

Il prossimo 6 agosto, Marco Liorni compirà 50 anni e a settembre tornerà al timone de La vita in diretta, che conduce insieme a Cristina Parodi. Inoltre, per lui, un appuntamento doppio: sarà in onda anche in prima serata con Il dono, questa volta in coppia con Paola Perego. Ma soprattutto, dopo 15 anni d’amore, Marco si appresta a fare il grande passo e a sposare la compagna Giovanna Astolfi: “In realtà avremmo dovuto farlo già a luglio, ma mi è capitato l’impegno con Il dono: sono impegnato a registrare delle puntate in giro per l’Italia e abbiamo dovuto rimandare. Saranno nozze speciali e originali, abbiamo deciso di cambiare le regole. Abbiamo pensato di riunire i nostri amici, i nostri parenti e i colleghi in tanti piccoli gruppi, da dividere in piccole feste separate. Sarà l’occasione per trascorrere più tempo con ognuno di loro, cosa che di solito non succede in queste occasioni. Abbiamo studiato anche il luogo: un barcone sul Tevere“. Quando gli si chiede invece del suo cinquantesimo compleanno e di che regalo vorrebbe, risponde: “Non pensavo che avrei riflettuto su questa ricorrenza, invece ho cominciato a fare qualche bilancio. Non posso fare a meno di pensare a mio padre Massimo, scomparso un anno e mezzo fa. Mi manca molto, soprattutto in un momento così importante della mia vita. Vorrei un po’ più di leggerezza, godermi le persone che mi stanno accanto, dare più attenzione a chi amo. Ma anche a me stesso: uscire con gli amici, giocare a calcetto, dormire di più…Senza dubbio sto meglio adesso che vent’anni fa, mi sento più risolto, anche se i momenti di inquietudine ci sono sempre. In passato gli interrogativi sul senso della vita erano più pesanti, trascorrevo notti insonni. Adesso mi sono lasciato andare un po’ di più, ho capito che se si segue l’istinto si sbaglia meno e ho messo da parte l’eccessiva razionalità. A chi farei un dono? 32 anni fa a Creta, il conducente di un camioncino mi ha aiutato in un incidente e mi ha portato all’ospedale. Ecco, mi piacerebbe trovarlo e portargli una bottiglia di ouzo, un liquore greco!“. Quando gli si chiede del rapporto con il figlio Niccolò (nato da una precedente relazione) e le figlie Emma e Viola, il giornalista risponde: “Niccolò ha 20 anni ormai, studia Biotecnologie ed è impegnato con i primi amori. Abbiamo un gran dialogo. Emma è nell’età del cambiamento e il nostro è un rapporto bellissimo, anche se so che nei prossimi anni sarà più conflittuale. Con Viola invece è ancora tutto un gioco, perché è ancora piccola”. Quanto al suo nuovo programma, invece, dice: “E’ una bella emozione, anche perché questa trasmissione mi piace molto. Ogni puntata vedrete quattro storie di persone che ne cercano altre, alle quali porteremo in dono un oggetto che ci è stato affidato da chi ha richiesto il nostro aiuto“.

Fonte: Nuovo