‘Gf Vip 3’, Valerio Merola al veleno su Maurizio Battista e Enrico Silvestrin: “Sono stato ingenuo. Non avrei mai immaginato che con la cattiveria gratuita si potesse arrivare a tanto!”

Di Carla - 21 ottobre 2018 09:10:32

Valerio Merola

Valerio Merola è stato il secondo eliminato dal Grande Fratello Vip 3 ma non ha preso per nulla bene la nomination. L’uomo, infatti, aveva legato particolarmente con il comico Maurizio Battista e non si sarebbe mai aspettato che proprio lui lo avrebbe votato per vederlo fuori dalla Casa più spiata d’Italia. Ecco cosa ha raccontato al settimanale Chi:

Non avrei mai immaginato che con la cattiveria gratuita si potesse arrivare a tanto. E mi riferisco a due persone precise: Maurizio Battista e Enrico Silvestrin, rispettivamente il mandate e l’esecutore. La vera indole di Battista è malvagia, la sua sensibilità è di convenienza. Noi due una sera abbiamo iniziato a parlare, abbiamo scoperto che le nostre mamme si chiamavano tutte e due Anna e che sono mancate quando noi eravamo giovani, ci siamo abbracciati. L’ho percepito come amico ma poi, quando mi ha nominato con una scusa banale, gli ho detto: “Hai fatto un gesto di m.!“. E io che avevo nominato Benedetta Mazza per non nominare lui.

Valerio non ha quindi apprezzato la mossa di quello che credeva un suo complice in questa avventura:

Sono stato ingenuo. Anche un uomo che ha vissuto come me, può essere ingenuo.

Centro di discussione di una delle dirette del reality show di Canale 5 è stato il rapporto di Merola con le donne, con un Silvestrin che accusava l’uomo di un atteggiamento poco rispettoso nei confronti del gentil sesso:

Io per quaranta anni ho fatto il playboy, mettiamola così, anche se non ho mai giocato con le donne. Io sono sempre stato chiaro, non ho mai detto che volevo il “per sempre”, tutte hanno riconosciuto che sono stato onesto, oltre che forte e tenero allo stesso tempo.

Nel 1996, però, Merola è stato accusato di aver sedotto delle donne grazie alla sua popolarità:

Ma non siamo arrivati al processo. L’inchiesta è stata archiviata in istruttoria per assenza del reato ipotizzato.

La vita sentimentale dell’ex gieffino è stata sicuramente movimentata ma c’è stata una donna, nel suo passato, che lo ha letteralmente fulminato. Lei è Bianca Berlinguer, la giornalista e conduttrice televisiva nota per essere al timone del programma di Raitre Cartabianca:

Io so che a lei non fa piacere che venga citata, è una nostra storia giovanile, è l’unica donna che avrei voluto sposare. Bianca è straordinaria in tutto. Penso che abbia giocato la sua percezione che non fossi ancora pronto per una storia seria: lei allora mi aveva reputato un farfallone. E pensi che quella era l’unica volta in cui non volevo esserlo, ma lei non mi ha creduto. Il destino a volte gioca questi scherzi, è beffardo.

Oggi il suo pensiero su di lei non è cambiato:

E’ sempre lei, ha un fascino unico, sprigiona bellezza intellettuale, è attraente, sempre. E’ proprio vero, come diceva D’Agostino, che è una che combina le antitesi dell’essere donna.

Nel presente di Valerio c’è una compagna misteriosa che gli ha fatto mettere la testa a posto ma non vuole dire molto di più:

Non ne parlo pubblicamente, abbiamo un accordo che non posso rompere, lei è persino più riservata della Berlinguer, però è una donna che mi dà grande serenità. Lei è naturalizzata italiana ma è di origine bulgara e opera nel settore immobiliare. Io, quando ho compiuto i sessanta, mi sono detto: “Valerio, tu per vent’anni hai fatto una vita dove hai provato di tutto, tutte cose belle, straordinarie, ma è stata anche una vita molto impegnativa“. Io ho vissuto alla grande e non l’ho mai negato. Le case, le macchine…

Voi cosa ne pensate delle sue parole?