‘Gf 15’, ancora un periodo buio per Veronica Satti: l’ex gieffina racconta il nuovo dolore e grazie a chi è riuscita ad uscirne

Di Martina - 23 agosto 2019 19:08:23

Abbiamo conosciuto Veronica Satti nel corso della quindicesima edizione del Grande Fratello. Solare, sempre pronta ad ascoltare i suoi compagni di avventura, ma anche molto fragile e bisognosa d’amore, la figlia di Bobby Solo non ha nascosto le sue debolezze nel corso dell’avventura vissuta nella Casa più spiata d’Italia, ed ha anche raccontato a più riprese dei periodi più duri e difficili vissuti nella sua vita.

La giovane infatti ha sofferto molto in passato, anche per la lontananza dal padre con il quale si è riunita proprio grazie all’esperienza del Gf. Ai suoi coinquilini aveva raccontato del periodo buio in cui era caduta in depressione e il momento in cui era stata ricoverata per più di un mese in una clinica per esaurimento ed autolesionismo.

Con l’amore del padre di nuovo a fianco a lei dopo 15 anni, Veronica pensava di aver sconfitto tutti i fantasmi del passato, che invece sono tornati in maniera preponderante a bussare alla sua porta quest’estate, ma per fortuna questa volta vicino a lei c’era anche il papà che come ha raccontato lei attraverso un’Instagram Story le è stato molto vicino e le ha dato la forza necessaria per reagire e uscirne al meglio:

Instagram - Veronica

Il cantautore romano non ha infatti nessuna intenzione di tenere più lontana sua figlia, e attraverso un’Instagram Story le ha ribadito tutto il suo amore:

Instagram - Bobby

Finalmente di nuovo serena, Veronica ha spiegato anche meglio alla nostra redazione tutto quello che ha vissuto in queste ultime settimane:

Ciao ragazze! Vi vorrei spiegare meglio le mie ultime Instagram Stories.. in quest’ultimo periodo sono caduta nuovamente nel baratro, ho avuto nuovamente quelle mie condotte autolesive e mio papà mi ha detto subito di correre da lui. Devo ringraziarlo di cuore perché se adesso sto meglio è grazie a lui, alla compagna Tracy e a mio fratello Ryan. Tutto il dolore del passato non era solo dovuto alla mancanza paterna, e anche se fosse lui così si è davvero riscattato e si è preso cura di me in tutto e per tutto. Ho capito che non si finisce mai di essere autolesionisti, e probabilmente ogni giorno dovrò farci i conti, ma oggi oggi oltre alla mia mamma e ai miei nonni che mi sono sempre stati vicini c’è anche mio papà e la sua famiglia, e questa è la mia vittoria più grande

Cosa ne pensate delle sue parole e di questo rapporto completamente ritrovato con il padre?