Grande Fratello Vip 6: l’opinione di Isa sulla ventinovesima puntata

Isa Dicembre 21, 2021

Se facciamo un attimo mente locale sulla puntata del Grande Fratello Vip 6 andata in onda ieri sera, e riflettiamo su quali siano stati i momenti salienti, ci vengono in mente due nomi: Sonia Bruganelli ed Alex Belli.

La prima è stata protagonista del coup de theatre della serata quando, dopo essere stata zittita, in maniera oggettivamente cafona, da Alfonso Signorini, ha lasciato lo studio ed è stata assente per almeno un paio di blocchi con la gente in studio che raccontava di liti accese, durante le pubblicità, tra lei e Alfy.

Per carità, Sonia è molto permalosa, è evidentemente abituata a comandare e avrà tutti i difetti che volete, ma qualcuno spieghi a Signorini che un bravo conduttore, in primis se dà la parola ad un’opinionista, le permette anche di completare il concetto che voleva esprimere. In secundis, se proprio i tempi stringono e c’è bisogno di cambiare argomento, lo fai con i giusti modi e termini e senza quel fare arrogante e cafone. E’ già tanto che la Bruganelli si sia limitata a lasciare lo studio in modalità Tina Cipollari invece di mandarlo a fancu*o in diretta in modalità Vittorio Sgarbi.

Ma voi, ad esempio, ce lo avreste mai visto un Fabrizio Frizzi a trattare così un ospite o una opinionista? O lo stesso Carlo Conti? Mi dispiace, ma anche la conduzione non è un mestiere che si improvvisa, e onestamente Alfonso ha perso l’ennesima occasione per riparare ad una cattiva figura. Sarebbe bastato, ad esempio, che si scusasse con Sonia per i modi, ma a quanto pare anche quella di sapersi scusare e saper fare un passo indietro è un’arte che a tanti, troppi, non appartiene.

Tolto il Bruganelli- gate, comunque, tutti gli altri momenti centrali della puntata hanno visto come protagonista Alessandro Gabelli, in arte Alex Belli, che ormai ha ufficialmente trasformato il Grande Fratello Vip nel suo set personale, e lo show quando inizia e quando finisce lo decide lui.

grande fratello

No, davvero, questa cosa mi fa pisciare dalle risate perché gli autori sono praticamente Alex-dipendenti e sono capaci di fare 10 blocchi su di lui facendolo confrontare anche con i mestoli della cucina.

Tra l’altro quando ieri lui e Aldo Montano hanno ripreso a beccarsi, con Alex che lo provocava in stile confessionale della notte di Halloween, Aldo che stava per perdere nuovamente la pazienza e stava tirando fuori la sciabola per infilzarlo in diretta, e quando poi la lite si stava ampliando coinvolgendo anche Samy Youssef, mi sono resta conto che praticamente creano molte più situation quelli fuori che i 20 disperati che stanno ancora lì dentro.

Anyway, ormai tocca accettare che il Man del Game è fuori, per cui mi va bene se qualche blocco gli verrà riservato comunque (e lui farà di tutto per assicurarseli, vedi il messaggio su Twitter scritto contro Alessandro Basciano SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per assicurarsi un ulteriore blocco ieri sera, perché per il resto sai il cazz che gliene frega che l’ex corteggiatore si avvicini o meno a Soleil Sorge), ma è anche bene che chi sta in Casa trovi il modo di emergere e darci argomenti nuovi, perché in fondo il triangolo tra Alex, Delia Duran e Soleil era interessante finché il Gabelli era dentro la Casa a cantare Esmeraaaalda ed ad affogarsi in una mini bacinella d’acqua, ora che lui, che era l’unica parte divertente della trama, è uscito fuori, tocca che tutti gli altri, Soleil in primis, camminino con le loro gambe e si mettano al centro dell’attenzione per quello che riusciranno a fare, chissà se ce la faranno.

grande fratello

Considerazioni sparse:

– ogni volta che sento Alex e Soleil parlare di amicizia mi ripeto che è tutto un teatrino e devo far finta di niente, però sentire un uomo fidanzato ed una donna fidanzata che si sono slinguazzati, strusciati e che sotto le lenzuola “hai trombato coño de tu madre“, parlare di amicizia trattandoci palesemente per deficienti, un po’ di pruriti me li scatena. Ma comunque, oh, alla fine contenti loro e contenti i rispettivi fidanzati contenti tutti, eh. Buona vita cari, non vi invidio!

– il balletto di Natale con tutte ‘ste primedonne che si sono scannate per chi dovesse stare davanti e bene in vista m’ha messo una tristezza che non vi dico. Cioè, gente che sta in tv h 24 da mesi e che è ancora così affamata di visibilità da litigare pure per chi deve stare in prima fila in una ballettino di 50 secondi. Ribadisco tutta la mia non invidia per queste persone e le loro priorità, e mi inchino fortemente davanti all’infinita pazienza di Carmen Russo che, pur facendo la ballerina da oltre 40 anni, ha dovuto sentirsi spiegare il mestiere e fare appunti da gente al massimo ha fatto i balli di gruppo al diciottesimo del cugino.

– e m’ha messo tristezza anche l’intervento di Franco Bortuzzo che, a parte che mi sembrava un attimo esaltato, interessato principalmente ad autoincensarsi (“eh, il lavoro che c’è dietro le quinte non sapete quanto è impegnativo“, disse il manger di Leonardo DiCaprio) e fin troppo inghiottito da quei deliri di onnipotenza che, negli anni, colpiscono immotivatamente molti parenti dei gieffini, ma poi ho trovato onestamente di cattivo gusto il modo in cui, nel parlare dell’esperienza del figlio, ha voluto SCIENTEMENTE ignorare Lulù Selassié (che tra l’altro mi ha fatto molta tenerezza perché cercava in tutti i modi di incrociare lo sguardo del papà di Manuel, come farebbe ogni ragazza che cerca un cenno di approvazione dei genitori del ragazzo che frequenta). E’ stato capace di ringraziare Alex Belli ma non mezza parola carina su Lulù, un altro po’ ringraziava pure Maria Monsè che è stata lì dentro il tempo di un rutto, ma la fatina manco menzionata. E a domanda esplicita di Signorini ha dato la classica risposta che dà un genitore quando il figlio ha accanto qualcuno che non gradisce: “ah, sì, se è contento lui sono contento“.

Che poi, really, io vorrei capire il motivo di questo astio della famiglia Bortuzzo verso Lulù, perché a me sembra davvero una roba insana. Ok, va bene, ci sono stati dei momenti in cui lei è stata stressante e assillante, ma non mi pare che Manuel sia stato un santo. Gli scivoloni e gli atteggiamenti discutibili li ha avuti anche lui e anzi, vi dirò, alla luce di tutto quello che è accaduto in questi mesi, capirei più uno scetticismo dei parenti della Selassié verso Bortuzzo che non il contrario. Io vi ricordo sempre che la mamma di Manuel in quella lettera paragonò Lulù al tizio che ha sparato al figlio, eh. Per me non è normale.

Davvero, io, da genitore, cerco di immedesimarmi nelle ragioni della famiglia di Manuel, ma non ci arrivo, non capisco.

E’ un fatto estetico? Lulù non ha l’aspetto da ragazza casa e chiesa tipo la ex fidanzata di Manuel? E’ importante l’aspetto? Avere accanto una come lei rovina l’immagine da bravo ragazzo del figlio?

O il problema è la famiglia di Lulù? Il padre arrestato? Quindi le colpe dei genitori devono marchiare a vita i figli? O che altro c’è? No perché a me, invece, pare proprio che Lulù, soprattutto nelle ultime settimane, abbia invece tirato fuori il lato più carino di Manuel, il più inedito e quello che probabilmente più lo valorizza. Tra l’altro, davvero, lei lo tratta sempre benissimo (e lo trattava bene anche quando lui non l’avrebbe meritato), ha mille attenzioni per lui, si preoccupa dei suoi bisogni, si preoccupa dei suoi umori, lo coccola, lo rassicura, si preoccupa che stia bene… ma ad un genitore, una volta che c’è questo, cosa importa del resto?

Poi, è ovvio, è una storia nata in modo anomalo in un contesto anomalo, e magari tra due giorni si sfanculeranno di nuovo, ma onestamente io ieri ci sono rimasta male per Lulù e in ogni caso trovo che un uomo adulto potrebbe ampiamente evitarsi certo genere di provocazioni (perché l’ignorarla volutamente è stata una provocazione) verso una ragazzina che tra l’altro si trova in un contesto psicologicamente usurante.

E anche dopo l’episodio di ieri ribadisco che capirei se, dopo tutto questo, fosse la famiglia di Lulù a non voler avere a che fare con quella di Manuel. Che poi, diciamocelo, in quanto a gestione di questo Grande Fratello la famiglia Selassié è stata, fino ad ora, impeccabile: profilo basso, un unico intervento con un comunicato per smentire alcune inesattezze sulla discendenza reale, e zero volontà di abbassarsi a chiacchiericci su quello che le ragazze stanno facendo in Casa e le persone con cui si rapportano.

– il flirt tra Miriana Trevisan e Biagio D’Anelli più finto della mia borsa Prada comprata in Thailandia, ma anche le cose finte bisogna saperle fare e nonostante la vicinanza al Supremo Maestro, c’è ancora troppo da imparare.

Basciano è entrato nella Casa caricato a palla con ‘sto ruolo di latin lover sul quale immagino abbiano spinto molto. Io credo che, se riuscirà a uscire dal personaggio che gli hanno chiesto di interpretare, e riuscirà a mostrarsi per quel che è, ne uscirà vincente. Ho sempre avuto la sensazione che sia un bravissimo ragazzo, molto più bello dentro che fuori. Spero che con l’andare delle puntate possa confermare la mia impressione e non accartocciarsi in questo ruolo di Don Giovanni che manco gli appartiene.

– squillino le trombe e il paese si vesta a festa perché finalmente, dopo quasi 4 mesi di programma, è entrato un uomo che mi attizza! Io completamente bimba di Barù! Barù è bono, ha i peli sul petto, è ricco, è colto, ama viaggiare, è nobile, sa cucinare, ai pranzi di Natale con la sua famiglia ti becchi Costantino Della Gherardesca che ti fa morire dal ridere… insomma io, fossi lì dentro, gliela lancerei con la fionda e instaurerei una chimica artistica che Soledad e Sgabelli levateve proprio.

COMMENTI