Grande Fratello Vip 7: l’opinione di Isa sulla ventottesima puntata

Isa Gennaio 17, 2023

Ma sono io che non riesco a farmi coinvolgere da questa edizione del Grande Fratello Vip oppure realmente la puntata di ieri è stata una noia mortale?

No, perché sinceramente tolta la prima mezz’ora col blocco di Oriana Marzoli, tutto il resto mi è sembrato di un noioso e di un inutile che probabilmente avrei trovato più avvincenti quei programmi di approfondimento sulla matematica che vanno in onda alle 4 del mattino (sì, raga, esistono, giuro! O perlomeno esistevano fino a prima che diventassi madre e svenissi sul divano alle 22).

La clip su Oriana, sinceramente, è stata montata in un modo che si limitava solo a sottolineare la facilità con cui la Vippona venezuelana abbia cambiato interessi maschili nella Casa (che scandalo! una cosa indecente! io chiamerei subito la polizia del pudore -.-) ma non mi pare che, però, sia stato sottolineato il modo in cui questi uomini abbiano poi trattato la Marzoli.

Tolto Luca Onestini, che al netto di tutto è stato il più chiaro e il più limpido nei suoi confronti, con Antonino Spinalbese c’è stato il trattamento che c’è stato (carino Alfy che con orgoglio rivendica che la frase più poraccya della nuova hit di Shakira fosse stata usata già prima da Spinalbese), e con Daniele Dal Moro, vedendo la clip, sembra quasi che lui sia la vittima di questa donna famelica che vuole illuderlo quando in realtà Dal Moro con lei è super ambiguo e super tossico.

Perché un conto è dire “non mi piace come ti comporti, non sei il mio tipo, non credo nel tuo interesse, ciao e arrivederci!“, e un altro conto è limonartela, infilarti dentro gli armadi e sotto le lenzuola, E DOPO trattarla come l’ultima delle donnine.

ENNò, scusate. NO. Perché io sono PIENA, COLMA, SATURA del concetto di fondo che è sempre lo stesso e cioè “l’uomo è uomo quindi segue la carne, ma di lei ha una opinione schifosa per colpa sua che si comporta in quel modo“. MA NO, scusate, N O. Perché se tu di una persona hai un’opinione schifosa (e a quanto pare anche stanotte Daniele ha detto ad Oriana che “io di tipe come te ne trovo quante ne voglio fuori“, con tutte le allusioni che quel “tipe come te” si porta dietro), e la usi solo per sfogare l’ormone galoppante salvo poi disprezzare e sminuire, quello pessimo sei tu, non lei.

Avessi mai sentito una donna di quelle che si sono approcciate ad Antonino (preciso che parlo di Spinalbese solo perché è stato l’unico accostato a più donne, ma è un discorso generico, poteva esserci qualunque altro uomo al suo posto) dirgli che “io di TIPI COME TE ne trovo quanti ne voglio“. No, non lo dicono perché anzi lui passa per quello figo e difficile da conquistare, è Oriana, che non è pene-munita, a passare per ragazza dozzinale che chiunque può avere facilmente schioccando le dita.

Guardate, a me di difendere a spada tratta la Marzoli non frega niente, ci sono tantissime cose di lei che non mi piacciono e non è tra le mie concorrenti preferite, ma chi non nota il diverso trattamento riservato ad una donna che fa LE STESSE COSE che fa un uomo è in malafede, e se non iniziamo a sottolinearlo in ogni luogo e in ogni lago, noi donne da questa penalizzazione eterna non verremo mai fuori.

Altre valutazioni sparse:

– ma veramente esiste qualcuno sul globo terracqueo che se ne freghi un caspita di qualcosa degli ennesimi confronti tra Patrizia Rossetti e la Wilma Goich? Vi prego, poi non ditemi che non è il programma a stabilire chi deve avere risalto e chi no, eh, perché la Goich si prende blocchi letteralmente per il nulla, mentre, per dire, un Alberto De Pisis (che ha litigato più volte e che ha tipo interrotto bruscamente un’amicizia con Antonino) viene calcolato solo dopo 28 puntate e per giunta in un’inutilissima ottica da ship.

– ANCORA BLOCCHI su Luca Onestini e Nikita Pelizon? Cioè BASTA, VI PREGO BASTA! I loro fandom sono arrivati a livelli di rancore e fanatismo che sinceramente mi inquietano, questi non si parlano da un mese e dobbiamo parlarne ancora noi in prima serata, per giunta facendo appunto riferimento a cose di un mese fa? Ma quanto stiamo alla frutta, scusate?

– il signore (presunto ex) che è andato a fare visita a Nikita, annunciato in pompa magna e che sembrava dovesse regalarci chissà quali colpi di scena, è finito a regalarci un dialogo surreale in cui lei gli parlava di mangiare sano e fare alzare le energie e lui le rispondeva di dare spazio al suo Io… boh, a me sembravano due che si erano appena sballati di noce moscata insieme ai ragazzi di Amici MA OK, TUTTO BENE.

– non mi aspettavo l’uscita di Dana Saber. Sinceramente per me Dana e Murgia potevano benissimo uscire insieme a braccetto perché parliamo di una che nelle liti se ne esce con “puliscimi le scarpe, schiava” (cito solo questa tra la miriade di sfondoni, anche ben più gravi, usciti dalla bocca della Saber), e di un’altra che racconta candidamente di strattonare, schiaffeggiare e lanciare piatti durante le discussioni col partner come se fosse una cosa normale. Diciamo che però avevo letto che i fandom delle varie coppie (Incorvassi, Donnalisi e pure Oriele) stessero votando per eliminare la Murgia e pensavo ci sarebbero riusciti…

Le cose sono due. O i fandom di quest’anno sono davvero debolucci oppure tutti hanno votato solo in funzione di far disattivare papà Fiordelisi da Twitter.

– la storia della famiglia di Davide Donadei noi fedeli spettatori uominiedonniani la conoscevamo già, ma sinceramente l’unica storia che ci interesserebbe approfondire riguardo all’ex tronista è quella delle corna fatte alla fidanzata con una ex allieva di Amici. Si potrebbe anche invitare una Roberta Di Padua in prima serata su Canale 5 in veste di persona informata sui fatti, eh, io la butto lì.

– in nomination c’è una caterva di gente, ma io credo sia finalmente giunta l’ora di liberarci dell’infida nonnina che ci hanno ricicciato fuori nonostante l’avessimo già eliminata puntate fa. Direi che è proprio arrivato il momento che Nonnì inizi i suoi botta e risposta con Edoardo Vianello tramite le lettere su DiPiù, e vada a discutere di fatti di 40 anni fa nelle sedi televisive più opportune.

COMMENTI