‘Temptation Island 4’: l’opinione di Chia sulla sesta puntata

Chia 1 Agosto, 2017

Temptation Island 4

E poi niente, c’hanno dovuto pensare i Lenticchi – col loro equilibrio precario e quell’instabilità mentale che ce li ha fatti amare sin dal primo giorno – a regalare un senso di normalità a questa quarta edizione di Temptation Island. Normalità. I Lenticchi. Ho detto tutto.

Selvaggia Roma e Francesco Chiofalo, a parte farci ammazzare dalle risate puntata dopo puntata, tra pianti striduli e sbotti ricchi di pathos, hanno colto a pieno il senso di questo programma, e l’hanno sfruttato per crescere sia individualmente che come coppia. Nessuno dei due ha esagerato, nessuno dei due ha passato il limite (nonostante Desirèe Maldera non si sia certo tirata indietro dal provarci…) ma entrambi hanno riflettuto su se stessi e sul loro rapporto, cercando di capire i propri errori (oltre a quelli dell’altro, certo…) e come cercare di evitarli.

Se è vero che ‘L’amore non è bello se non è litigarello‘, beh, direi che il loro è proprio quello con la A maiuscola, contando che sono riusciti a scannarsi anche subito dopo essere usciti insieme al falò finale (che, tra parentesi, è stato il migliore della storia di Temptation Island, e lo si poteva già intuire dall’arrivo sornione di Lenticchio in spiaggia…). Su quel “Vedi che sei aggressivo?“, “Eh ma mi rompi subito il ca**o!” mi sono cappottata sul divano, e ho agognato un “Casa Lenticchio” suBBBito. Questi due, la loro follia e il loro amore così assurdo ma così evidente agli occhi di tutti meritano di diritto il loro spin off. Che qualcuno avvisi Filippo Bisciglia e faccia partire le riprese, che qua stamo già in astinenza.

Per quanto riguarda le altre coppie, paradossalmente i più piccolini e i più inesperti hanno dato due piste a tutti gli altri. Riccardo Gismondi e Camilla Mangiapelo anche in quel breve rvm girato ad un mese di distanza dalla fine delle riprese hanno mostrato come, se lo si vuole, insieme si affronta tutto, persino quando si hanno due caratteri tosti come i loro, ma senza mai mancare di rispetto all’altro.

Rispetto che, onestamente, non si può dire abbia abbondato in questa quarta edizione di Temptation Island, come in tutte le precedenti del resto.

Occorre premettere che solo chi una storia la vive in prima persona può sapere come stanno realmente le cose, quanto c’è in ballo e quale decisione è la più giusta da prendere. Quella che possiamo farci noi da casa è un’opinione parziale, sicuramente influenzata dal montaggio e dal non essere coinvolti personalmente nelle vicende che vediamo in onda… e si sa, da fuori è sempre tutto più facile, questo è vero.

Per come sono fatta io, però, col cavolo che sarei uscita da quel programma accoppiata, dopo aver visto certi filmati ed ascoltato certi sfoghi. Sarò fin troppo drastica e troppo poco permissiva, ne sono consapevole, ma ho visto poco amore vero, in queste coppie, e troppa paura di ricominciare da capo, da soli, una nuova vita.

Perché oh, parliamoci chiaro… ad ascoltare questi fidanzati pare che per capire di amare davvero la propria donna serva necessariamente strusciarsi su un’altra, e per 21 giorni 21, non uno di meno che altrimenti non si sono vissuti appieno l’esperienza, poveri. Uomini di 30 anni il cui problema principale non è tanto quello che hanno fatto e detto, ma quello che le loro compagne hanno visto. Pazzesco.

E tutte queste fidanzate che mi arrivavano al falò di confronto agguerrite ed armate di sguardo truce, ma tutte che poi si arrendevano alla prima moina del compagno. Roba che hanno perculato la mosceria di Valeria Vassallo per settimane, l’anno scorso, ma alla fine della fiera è stata l’unica a prendere una decisione e a mantenerla, senza proclami della serie “Io uno così non lo voglio più vedere manco in cartolina, figurati!” che vanno puntualmente in frantumi alla prima frase ad effetto buttata lì dal furbetto di turno.

Una storia d’amore dovrebbe farti stare bene, regalarti il sorriso e trasmetterti serenità, e io tutto questo non solo non l’ho visto durante le sei puntate, tra un falò e l’altro, ma nemmeno negli rvm ad un mese dalla fine delle registrazioni.

Fortuna che, stando alle foto pubblicate da Raffaella Mennoia qualche settimana fa, sembrava doverci essere un matrimonio in vista per una di queste coppie. Per me è già bello se arrivano tutte sane e salve a Ferragosto, per dire.

COMMENTI