Tommaso Stanzani, la mamma del ballerino racconta il coming out avvenuto a 14 anni e rivela qual era la sua unica paura

I due sono stati intervistati da Vanity Fair per celebrare il mese del Pride

Giusy Luglio 1, 2022

Lo abbiamo conosciuto durante la ventesima edizione di Amici, il talent show di Maria De Filippi in onda su Canale 5. Oggi Tommaso Stanzani oltre a dedicarsi alla sua professione di ballerino, sta vivendo una bellissima storia d’amore con Tommaso Zorzi, vincitore del Grande Fratello 5. La coppia fa coppia fissa ormai da oltre un anno ed è legatissima. Nonostante la sua giovanissima età, l’ex allievo di Amici non ha mai voluto nascondere il suo orientamento sessuale, vivendo alla luce del sole la sua relazione, incurante di chi ancora giudica o si lascia andare a frasi al limite dell’ignoranza o dell’omofobia.

Come hanno riportato i colleghi di Biccy.it, in occasione del mese del Pride, Tommaso Stanzani e la mamma hanno rilasciato una particolarissima intervista sulle pagine di Vanity Fair. La donna ha raccontato come è avvenuto il coming out del ragazzo:

Mi ricordo benissimo il giorno che è successo. Sei tornato a casa dalla Coppa di Germania che eri perso, proprio si capiva. Avevi una cotta pazzesca per qualcuno e io da brava mamma curiosa volevo sapere chi era la fortunata. E quindi ho iniziato ad elencarti un po’ tutti i nomi delle ragazze. Prima quelle italiane, poi quelle della nazionale spagnola, brasiliana, un po’ tutte. Tu non uscivi con il nome e allora in modo molto naturale io ti ho detto ‘ma è un ragazzo vero?’. E tu sei rimasto fermo, sei diventato rosa e rosse e poi dopo l’hai detto e ti sei rilassato. Sì ti sei sgonfiato come per dire ‘ok finalmente abbiamo parlato dell’argomento’.

La donna ha ammesso di avere avuto dei timori, legati soprattutto alla paura “dell’altro”, quell’occhio che tutto vedo e tutto giudica:

Sono sincera, dei grossi dubbi non ne abbiamo mai avuti. Fin da piccolo avevo capito. Non so, quando spacchettavamo i regali tu prendevi la coccarda e te la mettevi in testa dicendo ‘come sono bello’. Non avevamo dubbi, ma nemmeno dei grossi problemi. Avevo solo una paura, cioè che tu non potessi avere la stessa adolescenza degli altri ragazzi che si innamorano di una ragazza. Loro possono andare al cinema, stare per mano in strada senza timori. Questa era la mia unica preoccupazione. Poi mi dispiaceva non avere dei nipoti, sognavo di diventare nonna. E sul momento purtroppo le regole italiane non lo permettono, o comunque non è così facile adottare o fare la maternità surrogata. Mi dispiace se mio figlio vorrà dei bambini e troverà questo difficoltà.

Tommaso Stanzani ha spiegato quanto sia stato importante il supporto della sua famiglia:

Non è che avevo paura o provassi vergogna. Semplicemente ero piccolo, avevo 14 anni ed era davvero la mia prima cotta. Ero una diva già da piccolo comunque era logico che fosse già tutto chiaro per voi. Sono contento della reazione di mia mamma, anche se mi disse che aveva paura per la società. Avendo avuto il supporto dei miei genitori non ho mai avuto problemi ad affrontare il mio orientamento. Se avessi incontrato un muro, per me sarebbe stato difficile essere me stesso.

COMMENTI