‘Uomini e Donne’, Gianni Sperti ha scritto un libro: “Ho finalmente raccontato una parte della mia vita che ho faticato ad accettare”

Melissa 10 Aprile, 2020

Trono over - Gianni Sperti

Il volto di Gianni Sperti è ormai storico per gli spettatori affezionati dei programmi targati Fascino: prima come ballerino professionista ad Amici di Maria De Filippi e poi dal 2003 a Uomini e Donne, il dating show dove ancora oggi Gianni ricopre il ruolo di opinionista insieme a Tina Cipollari.

Alle pagine del magazine di Uomini e Donne, l’ex ballerino ha raccontato di sentire particolarmente adatto alla sua personalità il lavoro che svolge nella trasmissione di Canale 5:

È più semplice per me analizzare le situazioni di terze persone perché, in quel caso, non provo il sentimento in prima persona. Riesco ad applicare la logica e a vedere la via d’uscita o le varie possibilità di risoluzione del problema. Quando sono coinvolto in prima persona non ho la stessa lucidità e mi assale l’ansia, il panico, tali da non vedere la luce, ma oggi, sono molto più risoluto rispetto al passato. Ho imparato ad analizzare, a contare fino a dieci e razionalizzare il problema, dandogli la giusta importanza senza considerarlo una catastrofe.

Gianni però ha sottolineato di cercare sempre di mantenere una certa obbiettività senza farsi coinvolgere da antipatie e simpatie:

Non è facilissimo, anzi penso sia abbastanza naturale farsi coinvolgere dalle proprie considerazioni anche generali sulle persone a cui ci rivolgiamo.  È quasi impossibile scindere l’opinione da cosa si pensa in realtà. Il parere personale, proprio perché soggettivo, è il frutto di sensazioni che ti provoca il partecipante in questione. Cerco però anche di osservare l’oggettività delle cose, per esprimere pensieri equilibrati.

Sperti spesso e volentieri ha ricoperto anche il ruolo del “giustiziere” dopo che alcuni imbrogli ai danni del programma sono stati smascherati proprio dall’intervento dell’ex ballerino tanto che – oggi – sono tantissimi gli spettatori che inviano le segnalazioni proprio a lui:

Penso sia dovuto al fatto che nella trasmissione ricopro un ruolo più analitico e diplomatico (anche se non sempre ci riesco). Cerco di analizzare le questioni e, quando non mi fido, chiedo di mostrarmi il cellulare. In questo modo, in passato, spesso, abbiamo scoperto gli impostori. Probabilmente inviano a me le segnalazioni anche perché il pubblico percepisce quanto ci tengo alla veridicità della trasmissione. Quando mi arrivano, invio subito le segnalazioni alla redazione e sono loro che si occupano dell’attendibilità della fonte.

Se Gianni è abituato ad analizzare nei minimi dettagli le dinamiche dei protagonisti del Trono Classico e Over, l’opinionista negli ultimi anni ha cercato di mantenere quanto più privata possibile la sua sfera privata. Recentemente, però, questo lato della sua vita è stato tirato in ballo in trasmissione da Barbara De Santi durante una discussione:

Come tutti sapranno, io non vivo la mia vita privata sotto i riflettori, anzi, molto spesso, li evito proprio perché in passato ho vissuto un rapporto decisamente pubblico. Da quel momento in poi la mia vita privata la difendo con i denti. Ho dovuto rispondere a Barbara, mio malgrado, perché per me quella è stata un’ingerenza. […] Sono consapevole del fatto che la gente abbia interesse riguardo la mia vita privata, d’altronde sono io che mi sono messo in vetrina decidono di lavorare per il pubblico. Non mi infastidisce la loro curiosità, anzi mi lusinga, ma solo finché non diventa invadenza, offesa o cattiveria gratuita.

Gianni è stato sposato con Paola Barale dal 1998 al 2002 e, a proposito della sua relazione con la showgirl, l’opinionista ha preferito mantenere il silenzio: “Potrei rispondere serenamente a questa domanda perché ho davvero tanti ricordi, ma proprio perché rispetto l’altra persona, la quale ha fermamente espresso di non avere il piacere di parlarne, preferisco evitare“. Sulla sua situazione sentimentale attuale, l’ex ballerino ha svelato di essere single e per scelta:

Non sono innamorato, per adesso. Sono single per scelta. Difficile da spiegare, perché quando l’amore arriva, non bussa mai, non si può decidere se innamorarsi o meno. Ma io scelgo di dedicare il mio tempo a me stesso e ai miei cari perché quando mi innamoro mi annullo completamente per l’altra persone, sbagliando. Condizione, questa, che inevitabilmente mi si ritorce contro e alla fine non mi fa vivere serenamente ed essere me stesso. Sono stato molto innamorato fino a cinque anni fa di un amore travolgente, passionale ma, allo stesso tempo, molto difficile.

Un grande amore di Gianni è stato anche quello per il mondo della danza, una passione nata fin da piccolissimo:

Da piccolino ci sono delle foto in cui non ero in pose “normali”, si nota dalle mie posizioni che ero proprio predisposto per la danza. Ho sempre avuto questa voglia di ballare, ma quando mia sorella ebbe l’opportunità di frequentare la scuola di danza di Pulsano, i mio paese, ricordo di aver battuto i piedi per terra per avere, anche io, la stessa possibilità. Volevo danzare. In seguito lei abbandonò questa disciplina mentre per me diventò una passione e il mio unico scopo di vita. Lavoro solo per guadagnare i soldi che mi permettevano di studiare ancora e ancora, ma mai avrei pensato un giorno di di diventare un ballerino professionista di Mediaset. Non pensavo di avere le qualità necessarie, e invece… Uno dei ricordi più beli risale a quando mia madre ricevette la telefonata a casa (non esistevano ancora i telefoni cellulari) dal produttore de La sai l’ultima? che le comunicava che ero stato selezionato per far parte del corpo di ballo. Un’emozione ancora viva dentro di me, una felicità indescrivibile. Volavo!

La strada di Gianni si è incrociata numerose volte con quella di Maria De Filippi e allora l’opinionista ha voluto ricordare il loro primo incontro “ufficiale”:

Il primo incontro ufficiale con Maria è stato nel suo ufficio, subito dopo la mia separazione, per parlare un po’ del mio prossimo futuro. Dico “ufficiale” perché mi era capitato di incontrarla altre volte negli studi. Lavoravamo tutti a Cinecittà e spesso mi capitava di essere nel corridoio del piano superiore e di sentire una presenza, un’energia alle spalle, mi voltavo ed era “li”. Non so spiegare questa sensazione ma accade ancora oggi, quando sta per arrivare, lo avverti. Quel giorno in ufficio ricordo che c’era in progetto Amici per il ruolo di ballerino professionista, ma poi rimandammo la mia partecipazione perché cominciai nuovamente Buona Domenica con Maurizio Costanzo. Io ero ospite fisso della trasmissione e successivamente sono passato a Uomini e Donne. Di quel giorno ricordo la semplicità di Maria, la sua disponibilità nell’ascoltarmi e la sua voce che mi rassicurava, sentire quelle parole era come ricevere una carezza.

E voi che cosa ne pensate delle parole di Gianni?

 

COMMENTI