Uomini e Donne: l’opinione di Chia sulla puntata del 8/04/22

Chia Aprile 8, 2022

Quando a Uomini e Donne sono in difficoltà quant’è patetico, da 1 a Ida Platano, gettare fumo negli occhi del telespettatore pur di distogliere l’attenzione dal fulcro del problema e spostarlo (furbescamente) altrove? Perché io è esattamente questo che ho visto oggi. Un imbarazzante tentativo di rigirare la frittata, cazziando gente random (con foga ridicola, per di più…) pur di salvare, ancora una volta, l’indifendibile piccola fiammiferaia di Brescia.

Il fulcro del problema l’aveva centrato perfettamente Tina Cipollari quando ha esclamato “Scusa, Ida, ma tu un mese e mezzo fa scrivevi i bigliettini con ‘Ti amo!’ a Diego. Poi subito dopo hai amato Alessandro. A novembre eri pazza di Marcello. Ma tu allora sei cret*na, fammi capire, che ti innamori in un mese?“.

Quello che TUTTI avevano notato da casa, e che FINALMENTE qualcuno ha avuto il coraggio di sbattere in faccia a colei che continua imperterrita DA ANNI a puntare il dito SEMPRE contro gli altri, senza mai fare UN MINIMO di autocritica. E senza mai rendersi conto che passi uno, vada per il secondo, ma al ventordicesimo uomo che – pur trovandosi di fronte una gran bella donna (perché Ida con tutti i suoi innumerevoli difetti rimane una bella donna, che si concia come nemmeno Jem delle Holograms avrebbe avuto il coraggio di conciarsi, ma pur sempre una bella donna) – scappa a gambe levate forse forse qualcosina su cui lavorare nelle frequentazioni ce l’ha anche lei, mica sempre gli altri.

Uomini e Donne: l’opinione di Chia sulla puntata del 8/04/22

Troppo facile scaricare ogni volta la colpa su chi abbiamo di fronte. Più onesto sarebbe ammettere che ogni tanto anche noi qualche minch*ata la facciamo. Ed era quello che Alessandro Vicinanza stava cercando di far notare a Ida a inizio puntata. Che se, alla vista di Riccardo Guarnieri, non ci ha messo manco tre secondi per ridurre il loro mese e mezzo a una robetta di poco conto, non si spiega tutto il drama che – fino alla registrazione precedente – aveva fatto. Tutto qua, fine. E che Maria De Filippi sottolinei che “non l’ha detto Ida che era innamorata, sono stata io!” è sicuramente una bella paracul*ta, ma alla quale non abbocca nessuno.

OVVIO che le due storie, quella con Riccardo e quella con Vicinanza, non si possano nemmeno paragonare. E infatti non mi pare che nessuno l’abbia fatto. Ma PROPRIO PER QUESTO tutto il pathos sfoderato dalla Platano quando si lagnava dei comportamenti di Alessandro negli ultimi due mesi era too much. Esattamente per questo.

Anche il discorso su Federica Aversano lo stanno strumentalizzando a loro piacimento, quando a me pare invece molto molto chiaro. Alessandro aveva chiamato per conoscere Ida perché gli piaceva Ida. Questo non esclude però che se gli passa una bella ragazza accanto lui la possa notare, ma finisce lì. Un semplice apprezzamento estetico che tale sarebbe rimasto, se le cose con Ida fossero andate per il meglio. E invece lei ci ha tenuto a sfracellargli i mar*ni sulle peggio minch*ate, tipo le grattatine sul fianco davanti alle commesse, la loro frequentazione è andata totally in vac*a e SOLO DOPO che Alessandro Ida ci ha messo un punto lui si è guardato attorno, che il mondo non si esaurisce mica con la Platano. Niente di più, niente di meno.

Che me lo devono proprio spiegare chi gliel’avrebbe fatto fare a Vicinanza di pupparsi un mese e mezzo di ‘sto macigno insostenibile, se il suo unico obiettivo fosse stata sin dall’inizio l’Aversano, eh.

Ma il clou del disagio odierno l’abbiamo toccato quando Tina ha centrato un altro punto, quello sulle sponsorizzazioni social. Perché se a Ida è consentito dubitare delle reali intenzioni degli uomini con cui esce (uno che la vede come un trofeo, quell’altro che la vuole sfoggiare nella movida milanese, ‘sta Jennifer Lopez de noantri!) uno – aprendo il suo profilo Instagram, costellato di tisane detox e volumizzanti per le labbra – potrebbe avere gli STESSI DUBBI su di lei. Perché forse forse la visibilità non fa schifo A NESSUNO, lì in mezzo. Manco a quelli che si battono il petto per affermare l’estrema purezza delle loro intenzioni.

Chi ha il sospetto ha il difetto“, diceva mia nonna. E fa sorridere che sia proprio gente come Ida o Armando Incarnato ad accusare gli altri di avere fame di visibilità, quando negli ultimi cinque anni hanno trascorso più tempo agli Elios che a casa propria.

Di fronte alla Cipollari che, implacabile come un Caterpillar, evidenziava come, vedendola monetizzare allegramente sui social, si potrebbe dubitare anche della sua onestà e non solo di quella degli uomini che frequenta, Ida è andata completamente in palla. Ha iniziato a balbettare che si mantiene da sola da quando è una ragazzina, che un lavoro ce l’ha e che a volte pubblicizza prodotti “anche senza avere un denaro in cambio“. “Quindi non lo fai per campare ma tanto per farti vedere, peggio me sento!“, ha rincarato la dose l’opinionista. E a quel punto, con Ida in totale crush del sistema, è dovuta intervenire la DeFy.

Sfoderando una feroce invettiva contro Alessandro e Diego Tavani che definire imbarazzante è dire poco. Secondo la conduttrice, infatti, entrambi avrebbero dovuto prendere le difese della Platano smentendo i dubbi di Tina in virtù di quello che avevano vissuto con la dama. Ma la mia domanda è… perché? Ma che daVero dopo essersi sentiti rinfacciare le peggio cose da Ida (e, ovviamente, anche dai suoi avvocati difensori, Gianni Sperti e Armando) dovevano pure difenderla? Cornuti e mazziati, proprio?

Perché “se Dio vuole il sentimento del bene e il rispettarsi, nella vita, dovrebbero rimanere” non l’hai mai detto alla Platano, Marì, che non mi sembra abbia MAI perso occasione per spalare mer*a sui suoi ex anche a distanza di mesi? E perché non sottolineiamo che Ida, appena capito che la conduttrice era accorsa in sua difesa, si è messa a piagnucolare da brava vittimina dando dei “pessimi uomini, davvero pessimi!” sia ad Alessandro che a Diego pur essendo consapevole che quest’ultimo le ha SEMPRE manifestato il suo affetto, senza gesti plateali acchiappa applausi ma con un abbraccio o una parola di conforto quando nessuno li stava ascoltando? Non vale forse più questo di tante pagliacciate a favore di telecamera?

Noi mica lo sapevamo, prima che Diego oggi lo dicesse, ma Ida lo sapeva eccome visto che ha subito confermato ciò che Tavani stava raccontando. E questo a maggior ragione dimostra quanto sia stata sleale nel dargli del “pessimo uomo” solo per parare le chiappe a se stessa. Dove sta “il bene e il rispetto per quello che c’è stato” in questo, Maria?

Che i tentativi che fate per confondere le acque sono anche teneri, eh, peccato che i telespettatori non siano così sc*mi come ve li immaginate. E per fregarli ci vuole qualcosa di meglio di una sfuriata contro qualche capro espiatorio random. Specie quando vi ostinate a voler difendere l’indifendibile.

Ps. Franco Fioravanti che, mentre tutti sbraitavano e schiumavano rabbia, ridacchiava divertito rimane il mio eroe indiscusso. Trolleggiali tutti, prof!

Video dalla puntata: Puntata interaAlessandro: “Ida sei contraddittoria. Gianni dovresti essere oggettivo…”Maria: “Alessandro e Diego perché non intervenite in difesa di Ida?”Riccardo: “Alessandro ma se con Ida…”Il test dell’uditoLo sfogo di SoraiaLuca e Soraia: il faccia a facciaEsterna di Luca e AuroraEsterna di Luca e Aurora IILuca: “Soraia e Lilli capisco che per voi è difficile…”

Video inediti: Un percorso in salita“Sono tornato per rimettermi in gioco”

COMMENTI