Uomini e Donne: l’opinione di Isa sulla puntata del 21/04/22

Isa Aprile 21, 2022

Menomale che manca poco più di un mesetto alla fine di questa stagione di Uomini e Donne, perché realmente a me sembra di commentare sempre le stesse cose e dire le sempre le stesse cose, e mi annoio io stessa a rileggermi.

In pratica per commentare la puntata di oggi potrei riprendere, para para, l’opinione scritta l’altro giorno durante lo sclero di Maria De Filippi contro Diego Tavani e Alessandro Vicinanza, e ripubblicarla, perché più o meno i concetti sono gli stessi.

Il problema non è nemmeno più quello che la DeFy recrimina di volta in volta a questo o quello, il problema è il solito: il doppiopesismo, i figli e figliastri, il fatto che Alessandro debba giustificarsi (e va benissimo, sia chiaro) per essere stato indelicato, quando lì dentro c’è gente che tratta le donne una pezza, ma davvero una pezza, da anni, e si prende una cazziata di facciata una tantum per poi ritornare comodo comodo al suo posto a fare l’opinionista.

Il problema è che chiunque abbia osato attaccare Santa Ida da Cascia poi si ritrova a dover affrontare un percorso tortuoso in cui verrà contestato anche il modo in cui poggi la chiappa sulla sedia. Il problema è che le pulci o si fanno a tutti o non si fanno a nessuno.

In generale, da quanto si è capito, Alessandro poteva certamente essere più delicato nell’esporre le ragioni della sua incompatibilità con Desireè, ma onestamente, nella sostanza, io non ho visto nulla di così tremendo nel suo discorso: tu hai un figlio, fai vacanze casalinghe e cerchi tranquillità, io sono libero, cerco divertimenti e voglio andare ad Ibiza. E’ una cosa così anomala?

Cioè, io ad esempio non ho mai amato andare a ballare, ma proprio mai, anche quando avevo 15 anni ci andavo più per convenzione sociale che perché mi divertissi realmente. Se uscissi con uomo, NON avessi un colpo di fulmine, e mi rendessi conto che lui è un tipo da vita notturna, discoteche, balli scatenati e sei del mattino tutte le sere, probabilmente sarei la prima a non volerci uscire una seconda volta. Sei un bel ragazzo, sei caruccio, ma quello che piace a te non piace a me, non mi vedo in un futuro con te, non vado avanti. E’ una cosa così strana?

Desireé per il tipo di vita che ha, e certamente anche per la responsabilità genitoriale, cerca altro rispetto a ciò che cerca Alessandro. Pace, stop. Non ho manco capito perché poi la De Filippi abbia rigirato il tutto facendolo diventare un discorso economico (che davvero non c’entrava niente e non mi pare proprio che Alessandro lo avesse minimamente tirato in ballo) facendoci tutta la paternale su lei che fa le pulizie, non può permettersi i viaggi e lui che è cattivo perché invece sperpera soldi ad Ibiza.

Guardate, vi giuro, la quantità di demagogia e di populismo sentita nel discorso di Maria mi ha sfinita almeno per le prossime 800 puntate. E più quel poraccio di Alessandro cercava, a modo suo, di spiegare che non è una questione economica, che lui aveva la ex fidanzata che puliva le scale (vabbé non ricordo il mestiere esatto, ma comunque un lavoro con uno stipendio non stellare), che per amore si è fatto le vacanze a Scalea e bla bla, più la conduttrice sfruttava la difficoltà di Vicinanza nell’esprimersi e nel fronteggiare l’attacco multiplo che gli stavano facendo, per sguazzare sempre di più in discorsi demagogici. “Ahhh perché menzioni quella che lava le scale e non l’impiegata di banca? Allora vedi che fai differenze? Vuoi l’applauso per aver fatto il sacrificio di aver passato l’estate a Scalea?“.

MA NO, MINC*IA, quel povero disgraziato stava solo provando, con i mezzi linguistici di cui è in possesso, di far capire che se c’è un sentimento (come quello verso la ex) può fare l’estate pure in un seminterrato, ma se in questa fase della sua vita, in cui è single, vuole divertirsi e la persona con cui si approccia ha uno stile di vita lontano da quello che in questo momento è il suo desiderio, interrompe la conoscenza. Stop. Ebbassta e non rompetegli i cogli*ni.

Che poi, a margine di tutto, se anche una persona andasse alla ricerca di un partner ricco, con un lavoro ben retribuito e che possa permettersi di fare il ponte di Pasquetta a Dubai quale sarebbe il vostro cacchio di problema, di grazia? Ma uno sarà anche libero di cercare il cavolo che vuole nella vita?

Mi fa proprio ridere, tra l’altro, che a predicare l’importanza del valore dell’umiltà sia gente ricca, sposata con gente ricca e che fa vacanze da ricchi. Però, ehi, tu sei cattivo e superficiale perché vuoi andare ad Ibiza con il volo Ryanair preso a 29.99 euro e indossando 3 paia di mutande, 3 t-shirt e 2 pantaloni per non pagare il bagaglio a mano.

Mi dispiace se Desireé in qualche modo si sia sentita ferita, ma sarebbe bastato chiedere ad Alessandro di scusarsi per eventuali fraintendimenti, e si sarebbe chiusa lì. La filippica della De Filippi ce la saremmo volentieri risparmiata.

Io sono proprio stanca, davvero, davvero stanca di dover assistere a continue lapidazioni in pubblica piazza di gente di passaggio (perché tanto Alessandro sarà l’ennesimo volto che presto o tardi sparirà nel nulla) mentre DA ANNI c’è chi fa lo schifo e viene trattato da personaggio di punta. Sono proprio, proprio stanca.

Per migliorare il mio umore vado a prenotarmi il viaggio estivo, va. Come criterio di scelta su Booking selezionerò ‘località umile‘, non vorrei che poi Maria, guardandomi dal suo yatch privato, mi giudicasse superficiale.

Video della puntata: Puntata interaTina e la rassegna del parterreAlessandro: ”Maria come Pinuccia? Mai dire mai..” Una nuova dama per AlessandroAlessandro e Desirée e… le vacanze ”differenti”

COMMENTI