‘Amici 15’, Sergio Sylvestre dimentica le parole dell’inno di Mameli durante la finale di Coppa Italia e piovono insulti razzisti: il cantante si difende così (Video)

Martina 18 Giugno, 2020

Sergio Sylvestre

L’emozione ha avuto la meglio su Sergio Sylvestre, che era stato chiamato a svolgere un compito molto importante durane la finale di Coppia Italia andata in onda ieri sera su RaiUno, ovvero cantare l’inno di Mameli in apertura per dare il via alla competizione tra Juventus e Napoli in uno stadio Olimpico deserto.

Una missione non facile, nemmeno per il più esperto dei cantanti, e così l’ex allievo di Amici di Maria De Filippi al momento di cantare ‘Le porga la chioma’ ha sbagliato l’attacco ed ha avuto un attimo di esitazione nel continuare la performance (QUI potete vedere il video).

Tanta l’emozione di Sergio, tanti gli occhi punti su di lui, che al termine dell’esibizione ha alzato il pugno al cielo urlando “No Justice No Peace”, unendosi così almeno idealmente al movimento Black Lives Matter che dopo la morte dell’afroamericano George Floyd ha scatenato le reazioni più disparate in tutto il mondo.

Tuttavia, nonostante l’amore e l’emozione che il cantante ha messo nella sua esibizione, l’errore non è passato inosservato agli occhi della parte più critica del web, che lo ha ricoperto di critiche e insulti razzisti così pesanti ed esagerati che Sylvestre si è trovato a fare delle Instagram Stories per precisare::“È stata una serata molto emozionante, non sono mai stato così emozionato neanche quando sono stato ad Amici o a Sanremo. Sentire questo eco così forte, in uno stadio così vuoto mi ha fatto bloccare. Mi è venuta una tristezza molto forte, queste cose qui mi bloccano, perché mi coinvolge tanto. Vedere un palco così vuoto è un peccato solo questo”.

E voi cosa ne pensate di quello che è successo?

COMMENTI