‘Amici 16’, ecco le reazioni a caldo dopo la finale! E intanto monta la polemica sul televoto…

Veronica Maggio 28, 2017

Riccardo Marcuzzo - Andreas Muller

Con la vittoria del ballerino Andreas Muller, si è conclusa ieri sera la sedicesima edizione di Amici Di Maria De Filippi: il talent show di Maria De Filippi ha concluso quest’annata con buoni ascolti, totalizzando 4.822.000 telespettatori, pari al 28,55% di share.

La vittoria del ballerino di origini tedesche è stata inaspettata per molti, i telespettatori, infatti, si aspettavano il trionfo del favorito alla vigilia: il cantante Riccardo Marcuzzo. Intervistati a caldo, subito dopo la fine della trasmissione dal sito TvBlog, i due giovanissimi talenti hanno raccontato le loro emozioni.

Andreas ha dichiarato che non si aspettava questo trionfo e ha parlato, poi, del suo percorso iniziato l’anno scorso e terminato alla vigilia del serale per un infortunio subìto:

Non lo so. Ogni decisione che ho preso nella mia vita è partita da una sorta di istinto. A volte sono razionale, a volte penso troppo. A volte agisco d’istinto. Penso che questa sia stata la scelta più pensata della mia vita, perché ti dici: “Ti sei rotto un gomito. L’esperienza ad Amici l’hai fatta e ti ha dato quello che ti doveva dare. Ti ha dato la visibilità, quindi se vuoi lavorare vai a lavorare“. Io avrei potuto benissimo prendere e viaggiare, prendere e lavorare, prendere e una volta uscito da Amici fare tutto ciò che ho sempre sognato, però non avrei affrontato tutte queste situazioni con serenità, perché magari un giorno tornavo a vedere la tv, accendevo su Amici e dicevo: “Guarda sto ragazzo quanto sta andando avanti“. Magari vedevo Sebastian, magari vedevo Fede o Riki e dicevo: “Guarda questi ragazzi come sono determinati ad inseguire il loro sogno. Perché io per un gomito mi devo fermare? Se Maria mi dà la possibilità io ovviamente riprovo. Riprovo contro le critiche, riprovo contro chiunque“. Ripeto: ho fatto la scelta più giusta della mia vita.

Il danzatore ammette, poi, che anche se non avesse vinto non si sarebbe affatto pentito di essere ritornato ad Amici:

Non è una vittoria che conferma una decisione: se io non avessi alzato quella coppa questa sera, sarei stato felicissimo della scelta fatta e l’avrei rifatta, se avessi potuto tornare indietro. Io avevo solo bisogno di avere delle certezze. Le certezze sono arrivate già dal momento in cui sono arrivato in finale, già dal momento in cui sono arrivato al serale, già dal momento in cui sentivo il pubblico. Tutte le mie certezze le ho avute indipendentemente dall’aver vinto la coppa. Se avesse vinto Riccardo, come mi aspettavo, io avrei vinto insieme a lui. Come lui ha vinto insieme a me.

E sul suo futuro professionale ha raccontato:

Non vorrò mai fare qualcosa che non mi dà uno stimolo o non mi fa star bene dentro. Vorrei fare cose che mi fanno star bene, perché comunque mi sono scelto un lavoro tosto e, secondo me, la regola fondamentale per far bene questo lavoro è stare bene. Se non stai bene non lo fai.

Ed ecco le parole a caldo di Riccardo, secondo classificato nonché vincitore della categoria canto:

Ho vinto la mia categoria, ho vinto nel canto. Poi il programma l’ha vinto un ballerino, tra l’altro un mio caro amico, quindi sono contento.

Il giovanissimo ha spiegato che ieri sera, stranamente, non era agitato:

Ero molto più agitato nelle altre puntate. Poi magari hai anche altri pensieri in testa e ti lasci prendere dal momento. Oggi paradossalmente eravamo tutti più rilassati, perché partecipavamo tutti ad una bellissima finale. Eravamo consapevoli di questo perché c’erano sfide, io contro Fede e Seba contro Andre e bisognava divertirsi.

In questi mesi dall’inizio del suo percorso ha subìto un cambiamento:

Sono un’altra persona in realtà. Uno da casa non se ne rende conto, ma questo percorso ti forma sia a livello umano che a livello artistico. Stando a contatto con tante persone che non conosci, tante persone che condividono il tuo sogno – quindi non è facile, perché c’è anche tanta competizione – impari a gestire determinati momenti, impari a relazionarti con loro e scopri anche degli aspetti che non conosci. Io, per esempio, non sapevo di essere così irruento, mi facevo prendere dall’ansia e dall’agitazione. Ho imparato a controllarmi da quel punto di vista. Dall’altro sono cambiato a livello artistico, perché c’è un percorso di crescita assurdo – come si vede in televisione: c’è Elisa, ci sono i vocal coach e c’è un sacco di gente che ti segue dietro, molto molto in gamba.

Infine, ha spiegato il rapporto con i suoi ammiratori:

Io faccio sempre quello che mi sento. Come oggi in finale. Ho fatto tutto con il cuore, anche in questo programma, quindi rimarrò …. spero. Farò innanzitutto delle scelte che partono dal cuore e io penso che le persone che mi seguono, mi hanno iniziato a seguire e mi seguiranno, apprezzeranno tanto questa cosa, perché si vede subito se una cosa è fatta tanto per fare. Ho notato che alcune critiche sono state: “È troppo commerciale“. Potrei dire: “Questo funziona, quindi lo faccio“. Io non ragiono così, non dico: “Questo funziona quindi lo faccio“. Io faccio quello che mi viene, così, poi se funziona è meglio.

Non poteva che essere soddisfatta della vittoria di Andreas, l’insegnante Veronica Peparini che ha così commentato su Instagram:

Anche Gianni Sperti, ex ballerino del programma, ha espresso la sua soddisfazione per la vittoria del suo preferito:

Intanto, sul web è in corso una polemica sul televoto: come si nota dallo stamp qui di seguito, infatti, i social del programma hanno fatto confusione con i codici, associando a Riccardo il codice ’03’ invece dello ’02’…

Twitter

Che ne pensate?

COMMENTI