Amici 21, Carola Puddu parla dei suoi sentimenti per Luigi Strangis e rivela quali sono le sue speranze per il loro rapporto

La ballerina è stata ospite di Silvia Toffanin a Verissimo

Giusy Aprile 23, 2022

Carola Puddu è stata una degli ospiti della puntata odierna di Verissimo, il salotto di Silvia Toffanin. L’ex allieva di Amici, dopo l’uscita dal talent la scorsa settimana, ha ricevuto una bellissima proposta dal coreografo Fabrizio Monteverde: è stata scelta per interpretare Giulietta nel musical ispirato alla tragedia di William Shakespeare in scena al Teatro Olimpico di Roma a Ottobre 2022.

La giovanissima ballerina ha raccontato qualcosa in più della sua vita e dei suoi sogni.  Per iniziare, Silvia le ha chiesto com’è stata la sua esperienza a Parigi, lontano da casa. Nella capitale parigina Carola Puddu ha vissuto dai 9 ai 18 anni.

Vivevo in un internato durante la settimana e poi nel fine settimana andavo in una famiglia d’accoglienza che oggi è la mia seconda famiglia, è la mia famiglia francese. Io dico sempre che ho due famiglie, non ne ho solo una.

Fortunatamente la mia seconda famiglia mi ha fatto sentire subito parte della famiglia, perciò sì sentivo la mancanza della mia famiglia italiana, ma l’avrei sentita di più se non ci fossero stati loro al mio fianco. Praticamente sono stata adottata da loro.

Ci sono stati dei momenti in cui ovviamente mi mancavano, mi mancava mio fratello, aveva 4 anni  quando io ho lasciato casa. Però ero impegnata, avevo danza tutto il giorno, scuola, ero impegnata con il francese perché dovevo imparare il francese quindi non avevo tanto tempo per pensare alla mia famiglia.

È un po’ triste da dire così, però eravamo molto impegnati. Poi ripeto la mia seconda famiglia non mi ha mai fatto mancare niente. Mi ha sempre fatto sentire parte della famiglia, perciò si sono stata davvero fortunata.

All’interno del talent, l’ex allieva ha stretto un’affettuosa amicizia con Luigi Stangis:

Non saprei definire a parole cosa ci lega tanto.  È un legame molto speciale, molto profondo. Lui sa tutto di me, è la prima persona con cui ho parlato, con cui mi sono confidata. Ha un carattere, una personalità seppur molto contorta e complessa aiuta anche me a essere me stessa. Lui è l’opposto di me, mi fa stare proprio bene, tranquilla. Mi mette leggerezza e spensieratezza.

Possiamo definire amore quello che prova Carola Puddu verso il cantante?

Io credo che l’amore come lo vedo io in questa situazione non deve per forza essere una storiella romantica. Certi legami non hanno bisogno della storia romantica tutta rose e fiori. Per me l’amore vero è l’amore incondizionato, dove può succedere di tutto, ma tu sai che ci sei per questa persona e questa persona c’è per te.

Lui è sempre rimasto, non abbiamo mai smesso di volerci bene. Durante tutto il percorso era veramente il mio punto di riferimento. Non è innamoramento ,è un’infatuazione mentale, non avendolo vissuto non posso dirti con certezza “Silvia questo è l’amore della mia vita”, però sicuramente lui era davvero importante per me.

Quando dissi non è il mio tipo è perché quello che mi attrae di lui non è il suo aspetto fisico, è proprio il suo carattere e poi anche come artista io lo stimo moltissimo.  Io spero di rivederlo, spero di andare ai suoi concerti come spero che lui verrà a vedermi a teatro.

Non so cosa succederà, se qualcosa succederà, a me importa solo che mi stia vicino voglio solo che mi voglia bene, io gli ho voluto bene, mi manca tanto, tantissimo.  Lui è una rockstar, io una ballerina, siamo veramente l’opposto.

COMMENTI