Fedez sbotta sui social dopo l’ennesimo attacco del Codacons: “Sono stufo di essere perseguitato, vergogna!”

Ecco il motivo della nuova raccomandata che il rapper ha ricevuto dall’associazione

Stefania S Luglio 14, 2021

Fedez Codacons

Non termina la battaglia del Codacons contro Fedez, anche questa volta il famoso rapper si è svegliato con un’ennesima raccomandata da parte dell’associazione.

La querelle che li vede protagonisti è iniziata nell’ottobre dell’anno scorso quando il Codacons si era schierato dalla parte di Eleonora Daniele accusando Fedez di atteggiamenti sessisti. Da quel momento in poi gli scontri sono stati sempre più frequenti.

In piena emergenza covid i Ferragnez avevano deciso di aprire una raccolta fondi volta a fronteggiare l’emergenza sanitaria ed anche in quell’occasione il Codacons aveva chiesto di interrompere la raccolta.

Proprio a proposito di questa raccolta l’associazione non ha intenzione di cedere e questa mattina è stata recapitata una raccomandata al rapper milanese nella quale viene richiesto di procedere all’immediato sequestro, associando la raccolta di Fedez – a favore dei lavoratori dello spettacolo – alla raccolta fatta a favore di Malika Chalhy.

Malika è nota alla cronaca poiché qualche mese fa è stata cacciata di casa perché aveva confessato di essere omosessuale. Da quel momento la stampa ed il web si erano mobilitati ed interessati alla vicenda riuscendo ad aprire moltissime raccolte fondi per aiutarla a ricostruirsi una vita.

Di recente però la ragazza è entrata al centro di una grande polemica, a seguito dell’inchiesta di Selvaggia Lucarelli, sembrerebbe che abbia usato i soldi della raccolta per comprare una macchina e un bulldog francese.

Il rapper quindi si è sfogato attraverso le sue Instagram stories:

[…] io ne ho pieni i c******i, scusate ragazzi. Ennesima raccomandata da parte del Codacons dove riescono a paragonare la nostra raccolta fondi, dove abbiamo raccolto più di 5 milioni di euro per i lavoratori dello spettacolo, alla raccolta fondi di Malika dove si è comprata la mercedes e richiedono l’immediato sequestro. Fate schifo, io sono stufo di essere perseguitato da voi, è incredibile che nessuno faccia niente per controllare voi che sicuramente – e so quello che fate e come lo fate – che nessuno intervenga. Sono stufo di essere perseguitato da voi pure quando le persone fanno del bene, vergognatevi.

Ha poi aggiunto:

Io cerco sempre di farmi una risata però si è arrivati ad un punto dove è veramente insostenibile questa cosa. io ricordo che il Codacons durante l’emergenza covid, durante il primo lockdown, chiedeva i soldi alle persone con un banner con scritto “donate per l’emergenza coronavirus” quando i soldi andavano direttamente a loro che, con l’emergenza sanitaria, nulla avevano a che fare. Questi hanno il coraggio di venire a rompere i c******i dove degli artisti hanno raccolto milioni di euro per aiutare i lavoratori dello spettacolo e parogonarla ad una raccolta di una ragazzina che si è comprata una mercedes. Ma come c**** è possibile che in questo paese sia possibile tutto questo? Io ho almeno una trentina di denunce, devo andare al tribunale almeno trenta volta per questi s****i che intasano i pubblici uffici. Mi sono rotto il c**** non è possibile una cosa del genere.

Come andrà a finire questo ennesimo scontro?

COMMENTI