‘Gf 16’, il figlio di Alberico Lemme difende il padre per le terribili frasi pronunciate in Casa. E Barbara D’Urso rivela quale sarà il provvedimento nei suoi confronti

Franci 18 Aprile, 2019

Live - Non è La D'Urso

Risalgono alle scorse ore delle dichiarazioni piuttosto discutibili di Alberico Lemme nella Casa del Grande Fratello 16.

Il neo arrivato (come potrete leggere meglio nel post completo che trovate QUI) ha, infatti, raccontato ai suoi compagni d’avventura di non aver provato emozioni quando sono nati i suoi figli e, anzi, ha ammesso che, qualora dovesse affrontare il loro lutto, non ne sarebbe poi così dispiaciuto, anzi, reagirebbe in maniera del tutto impassibile. Le parole dell’uomo hanno letteralmente sconvolto non solo gli inquilini della Casa, ma anche i telespettatori che sui social hanno chiesto a gran voce l’immediata espulsione di Lemme dal reality.

Nel corso della puntata di ieri sera di Live – Non è La D’Urso, la conduttrice non ha potuto non trattare l’argomento e, anzi, anche la stessa Barbara ha esternato la propria perplessità e si è dissociata prontamente dalle espressioni usate da Alberico. Presente in studio, il figlio dell’uomo, Enrico, che ha difeso il padre, lasciando tutti ulteriormente basiti:

Avevo 13 anni ed ero al ristorante con lui. A un certo punto, mentre pranzavamo, mio papà disse a me e a mia sorella: “Se voi morite, non mi interessa!”. Dopodiché dissi: “Se muori tu, a me non interessa!”. Questa frase è stata molto educativa perché ha educato me e mia sorella a essere responsabili nella nostra vita. Ci ha reso liberi delle nostre scelte.

Enrico ha ironizzato sull’accaduto, definendo il padre ‘un burlone’ e cercando di evidenziare l’aspetto educativo di simili asserzioni, non riuscendo a convincere comunque nessuno, specie la D’Urso che ha garantito che il gieffino riceverà un richiamo ufficiale nel corso della prossima puntata del Grande Fratello.

A seguire, eccovi il video con le dichiarazioni del ragazzo:

Video
Clicca sull’immagine per vedere il video

Voi che ne pensate?

COMMENTI