Gf Vip 6, Katarina Raniakova racconta dettagli choc sul suo matrimonio con Alex Belli e svela perché non lo perdonerà mai

L’ex moglie dell’attore si è tolta qualche sassolino dalla scarpa in lunga intervista a Chi

Linda Dicembre 7, 2021

Alex Belli è finito al centro del gossip nelle ultime settimane per il tormentato triangolo amoroso che lo vede coinvolto insieme a Soleil Sorge e Delia Duran.

L’attore di CentoVetrine infatti, non sembra curarsi troppo del suo matrimonio fuori dalla Casa del Grande Fratello Vip 6, anzi, al contrario, sembra più determinato a viversi le emozioni con la sua coinquilina italo americana.

Il settimanale Chi, condotto da Alfonso Signorini,  stavolta ha raggiunto Katarina Raniakova, modella slovacca che con l’attore è stata sposata dal 2013 al 2017. Già in passato la giovane si era espressa in maniera negativa sul suo ex marito, ma stavolta ha rincarato la dose, descrivendolo come un narcisista e fedifrago.

L’ex moglie di Belli prima di tutto si è detta sicura che lui ami Soleil, perché in fondo le ama tutte:

Io sono convinta che lui nella Casa ami Soleil, che quando uscirà amerà Delia, che quando andrà a fare un lavoro a Marrakech amerà quella che sarà li. Lui ne è sempre convinto in quel momento. Alla fine lui guarda tutte per vedere se lo guardano.

Secondo la  slovacca, non è una coincidenza il fatto che Belli trovi sempre donne ‘esotiche’:

Ma non vede che donne si sceglie Alex? Siamo tutte straniere, significa che siamo sole, almeno all’ inizio. Così tu pensi: “Lui è la mia famiglia”. Ma se mia madre avesse visto con i suoi occhi, mi avrebbe riportata a casa. Mi avrebbe detto: ‘‘Figlia mia, io non ti ho cresciuto per questo”.

Katarina aveva infatti alluso al fatto che Delia Duran ha origini venezuelane e Mila Suarez, altra ex storica di Belli, è una modella marocchina. A detta sua non è una coincidenza. E ha proseguito: “Con me lui ha potuto fare tutto quello che voleva”, riferendosi ai tradimenti:

L’ho beccato una volta poco prima del matrimonio, eravamo fidanzati da cinque anni, lì ho avuto proprio la sicurezza, ho trovato delle foto sul suo computer. E allora lacrime e tutto quello che può immaginare, comunque, l’ho perdonato e ci siamo sposati. Poi, dopo un po’, ho capito che stava con una sua collega, sposata pure lei, sembrava un rapporto di amicizia, cantavano insieme, suonavano insieme, ballavano…

C’era il mio gatto che ogni volta che lui non c’era la faceva sul suo cuscino, come a dirmi: “Guarda che lui e un pezzo di…”Comunque, alla fine, io ho capito che lui aveva questa relazione: faceva le chiamate di nascosto, quando le riceveva si allontanava, cosi ho scritto una mail al marito di lei. E lui è andato su tutte le furie: quando gli fai fare brutta figura Alex perde la testa.

La Raniakova ha proseguito come un fiume in piena nel racconto:

Poi c’è stata una settimana strana. Alex ha fatto delle foto a una ragazza e poi dopo quello shooting ogni sera aveva da fare, tipo comprare le pile per il telecomando. Portare il computer a riparare, ma stava via ore… Così una volta gli sono andata dietro e l’ho trovato con questa ragazza, la teneva stretta, le parlava nell’ orecchio, la baciava sul collo, abbiamo iniziato a litigare in strada, abbiamo continuato a casa, lui mi ha detto cose terribili, che non ripeto, ma dalle quali non si torna indietro.

Mi ha fatto un elenco di nomi di persone con cui mi aveva tradito. Persone di cui sapevo, persone di cui sospettavo e anche persone che proprio non immaginavo. E ha aggiunto: “Perché tu devi sapere che io sono questo!” Alla fine gli ho detto: “Senti, ci dobbiamo separare”. Lui, allora, si è buttato a terra, ha cominciato a piangere. A quel punto io vedevo tutto, non dovevo più immaginare niente, era tutto chiaro.

Morì mio nonno, lui era in giro per feste, dopo parecchi tentativi sono riuscita a trovarlo, gli ho detto questa cosa e lui: “Prendi la macchina e vai”. E io: “Ma io non me la sento di guidare in questa situazione”. Alla fine sono arrivata a casa mia, in Slovacchia, da sola. Di fronte alla salma di mio nonno ho visto mia sorella con suo marito, mia mamma con il suo compagno e… e io sola, e ho pensato: “Sono la metà di niente”. Sono tornata a Milano e finalmente gli ho detto: “Dobbiamo divorziare, abbiamo fatto una casa insieme, ma dammi solo quello che mi serve per prendermi un monolocale e me ne vado io”.

Il tempo in cui le mie amiche mettevano su famiglia, io l’ho buttato nel cestino. L’ho sprecato con lui e questo penso che non me lo perdonerò mai”, ha concluso la giovane.

COMMENTI