Grande Fratello Vip 6: l’opinione di Chia sulla ventottesima puntata

Chia Dicembre 18, 2021

Ci sono delle priorità, nella vita. Quella di Alex Belli era andare a risolvere i problemi che aveva a casa sua, dove “ho trovato la mia famiglia completamente distrutta, Delia in una situazione psicologica disastrata“. Quella di Soleil Sorge era seguire “il cuore il pubblico che fino ad oggi mi ha sempre supportato, quindi let’s do it, resto con voi!“.

E la mia, ieri sera, era godermi il gran finale di Gomorra, dopo sette anni e cinque stagioni clamorose. Sempre di canovacci recitati si tratta, ma almeno recitati bene, damn (quasi cit). L’unico “faccia a faccia definitivo” a cui volevo assistere era quello tra Genny e Ciro, e invece niente, mi sono dovuta puppare quello tra Alex e Soleil. Uguale, proprio. Se non è dedizione al disagio questa…

Grande Fratello Vip 6: l’opinione di Chia sulla ventottesima puntata

Ma veniamo a noi. Da quando il Belli, imbracciando l’ormai celebre capotto da Capitan Harlock (poi venduto all’asta – pare – per 12k, con lui totally all’oscuro che “purtroppo non so chi l’ha messo su eBay“. Cioè, vi rendete conto che vita emozionante, quella di Alex, a cui vendono roba sua senza che manco se ne accorga? Incredibile, oh!), ha dato vita al “colpo di scena” che progettava da “almeno tre puntate” (e poi si stranisce se lo accusano di fare lo show, caaaro lui!) e – abbracciato alla sua Delia Duran – ha abbandonato il reality, i Vipponi si sono schierati quasi totalmente a favore di Soleil, arrivando addirittura a dire che l’attore “ci intossicava e ci impediva di essere lucidi“.

Ora, che Alex sia un furbetto con velleità da manipolatore penso fosse chiaro da mo (ed i racconti di Katarina Raniakova non hanno fatto che riconfermarcelo, ecco…), che tutto ciò che combina puzzi di fake lontano un miglio pure, e che abbia una passione innata per il drama credo si capisse dall’enfasi che ci metteva pure nel leggere la lista della spesa. Ma VI PREGO, far passare la Sorge da povera vittima di “questi due che giocavano e lei è rimasta in mezzo come una scem*tta” ANCHE NO, dai.

Vittima lei? Soleil Sorge? Una che si propone come super scaltra, iper astuta e così incredibilmente superiore rispetto ai poracci pieni di energia negativa che la circondano che finisce col farsi raggirare come l’ultima delle stupide da un fake così clamoroso come il Belli?

Grande Fratello Vip 6: l’opinione di Chia sulla ventottesima puntata

Ha detto bene Davide Silvestri, “ci hanno giocato entrambi, ed ha fatto comodo ad entrambi“. Loro che “siamo uguali: non abbiamo manie di protagonismo, noi siamo protagonisti!“. Punto, fine, stop. Perché è vero che Alexha sempre cercato di avere tutto sotto controllo” ed è stato “come un treno a vapore, che quando ha visto che questa cosa cominciava a funzionare ha buttato talmente tanta legna che non è più riuscito a tenere questo treno“. Però la legna per alimentare il giochino ce la buttavano TUTTI E DUE, e a braccetto proprio. Ghignandosela sotto i baffi e battendosi il cinque ad ogni blocco di puntata conquistato, pure.

Come la penso? Che quello che era iniziato come un game a favore dello show (cit) bacetto dopo bacetto, coccola dopo coccola, è sfuggito dalle mani ad entrambi. Lui non ha avuto altra scelta che uscire perché le cose con Soleil stavano “prendendo una direzione” palesemente rischiosa, e che lei ci sia rimasta male nel perdere il suo compagnuccio di merende ci sta. Però tutta quella delusione, arrivando a parlare addirittura di “illudere le persone” mi sembra too much, ecco. O meglio, la capirei se uno dei due giocando giocando si fosse innamorato sul serio. Ma non è questo il caso, giusto?

Grande Fratello Vip 6: l’opinione di Chia sulla ventottesima puntata

In questi tre mesi di Gf Vip ci siamo sorbiti le peggio sceneggiate, con un livello di recitazione da parte di entrambi tutti e 3 che The Lady scansate proprio, e mo Alex si sarebbe “perso per dare priorità allo show” solo perché non le ha detto chiaramente “io mo esco” ma al massimo gliel’ha buttata lì?

Sposato” lui, “fidanzata” lei, ci hanno stracciato i maroni con la chimica artistica, i massaggi altruistici, la complicità e la telepatia di “un’amicizia fine a sé stessa“, specificando di amarsi ma soltanto “umanamente, come persona“. Ad Alex che ieri le diceva che “noi due non potevamo essere oltre che questo, lo sapevi benissimo!” ha pure risposto “sono sempre stata io la prima a dirtelo“. Quindi il problema qual è, di grazia? Tutto ‘sto drama solo perché lui è uscito dal reality senza affiggere i cartelloni per avvisare? Se Soleil la fa così lunga mi porta a pensare che tanto è andata la gatta al lardo che ci ha lasciato lo zampino, eh…

E mentre Katia Ricciarelli è arrivata addirittura a parlare di plagio ai danni di Soleil (Pamela Prati perdonala, se puoi!) e ha accusato Belli di cambiare idea ogni secondo quando lei è passata dal “eravamo stanchi di questa situazione, un po’ anche schifati da questi atteggiamenti! Ci ha trattato tutti da cretini, ci ha proprio soffocati. Io non ne potevo più, ora stiamo meglio tutti!” al “guardarti negli occhi mi emoziona tantissimo, ti vogliamo bene e ti diciamo davvero che ci manchi!” nel giro di qualche ora, l’episodio finale di Belliful si è consumato.

Certo, di Alex non ci libereremo facilmente. E già il fatto che sia l’unico squalificato della storia del reality a sedere comodamente in prima fila facendo le veci di Alfonso Signorini qua e là nel corso della puntata la dice lunga. Troveranno ogni appiglio possibile per infilarlo ovunque, poco ma sicuro. Del resto il conduttore lo aveva preannunciato, “Potremmo parlare di Gf Vip senza parlare di Alex Belli? Giammai!“. Quindi, dopo aver spezzato il cuoricino degli autori che “avremmo voluto che la sua storia con Soleil continuasse all’infinito ed invece è stata bruscamente interrotta“, prepariamoci a vederlo interpellato ad minchiam da qui fino al 14 marzo, nella speranza di qualche picco di share di quelli che solo lui sa regalare.

Però è indubbio che da oggi inizi un altro Gf Vip 6. E non tanto per il prolungamento o per i nuovi ingressi, ma perché necessariamente si andranno a delineare nuovi equilibri nella Casa, dove è venuto a mancare il pezzo da 90 che con i suoi teatrini fake riempiva più della metà delle puntate. Che si inventeranno mo che a reggere la baracca non ci sono più i Solex (mai crasi fu più azzeccata, lol!) che “tu non puoi immaginare fuori quanto ci amano!” (lol bis)?

No, perché qui per tenerci svegli per altri tre mesi servivano nomi clamorosi, personalità dirompenti, scassaminc*ia da combattimento. E – con tutto il bene per Eva Grimaldi, Alessandro Basciano e quella Federica Calemme di cui persino Affonzo che l’ha reclutata ignorava l’esistenza – mi sembra che per ora NCS. Ma non ci siamo proprio. Cioè, avevate tra le mani Luca Vismara e oltre al provino non siete andati. Vera Gemma sembrava ad un passo dalla porta rossa ed è saltata pure lei. Ora, ma come si fa dico io? Ci vuole del coraggio per avere in Casa la Sorge e non piazzarci qualcuno notoriamente capace di farla andare totally in crash, di farla sbroccare come Aldo Montano con Alex Belli, eh!

Ah, a proposito di Montano, io ieri sera avevo i lucciconi come Manuel Bortuzzo e quel patatone di Gianmaria Antinolfi, sapevatelo. Nonostante Affonzo abbia provato a spacciarcela come “una doccia fredda”, che si sarebbe ritirato era risaputo da giorni. E per quanto mi riguarda se n’è andato uno dei vincitori di quest’edizione. Che non c’è bisogno di arrivare alla finale per accorgersi di chi ha saputo lasciare il segno, nel suo caso pure con garbo e senza sgomitare. Aldo si è distinto fin dall’inizio per educazione, empatia e – soprattutto – grande onestà. Ha sempre espresso tutti i dubbi che aveva, dal triangolo di Belliful al riavvicinamento di Manuel a Lulù Selassié, senza mai prestarsi a pantomime ridicole.

Ha resistito tre mesi, l’obiettivo che si era inizialmente prefissato di raggiungere. Poi ha preferito lasciare perché per lui vedere crescere i suoi bimbi viene prima di qualsiasi contesto televisivo. Mentre altri sono usciti per tornare dalla propria famiglia a salvare il salvabile, lui è uscito per tornare dalla propria famiglia punto. Dimostrandoci ancora una volta l’abisso che lo separava da certa gente. Mancherai, Aldo. E mancheranno soprattutto i tuoi primi piani, più eloquenti di mille parole.

COMMENTI