‘Il Collegio’, ecco tutte le novità della quinta edizione che debutta stasera su RaiDue: “Cast molto forte, storie pazzesche”

Ludovica 27 Ottobre, 2020

Il Collegio

Questa sera prenderà il via la nuova attesissima edizione de Il Collegio e diverse sono le novità che dovranno aspettarsi gli appassionati al programma. A prender parte alla trasmissione – questa volta ambientata nel 1992 e che si comporrà di ben otto puntate a fronte delle sei andate in onda lo scorso anno –  saranno 21 giovani studenti.

A raccontare qualcosa in più è stato Luca Bosio, autore del docu-reality di Rai 2 che alle pagine di Tv Sorrisi e Canzoni ha anticipato:

Per la prima volta in cinque edizioni cambia la location. E’ stato infatti scelto il Convitto Regina Margherita di Anagni, in provincia di Frosinone, perché aveva le caratteristiche ideali e gli spazi giusti: una cucina, diverse camerate, aule sul corridoio, in più ha un cortile e un giardino dove per la prima volta saranno fatte le lezioni all’aperto. In realtà gli alunni stanno nella stessa aula tranne quando studiano musica e recitazione, che si fanno in aula magna.

Il cambio di location ha una spiegazione ben precisa:

È stata scelta Anagni perché si trovava in una zona dove il Coronavirus tra luglio e agosto, quando è stato girato il programma, non era molto diffuso. Si è creata una sorta di bolla. Per la prima volta i ragazzi non sono arrivati il giorno prima di iniziare le riprese, ma un paio di settimane prima proprio per sottoporsi a tutti i controlli.

Bosio assicura un’edizione molto interessante:

I 21 allievi sono tutti sconosciuti. Si tratta di un bel cast, molto forte. Ci sono anche storie pazzesche, per esempio quella di due ragazzi indiani adottati  e abbandonati prima dalla madre e poi dal padre che li ha lasciati su un treno in India. Ora sono felicemente… toscani!

In passato la lontananza dai propri affetti aveva portato diversi alunni a decidere di abbandonare il programma, cosa che, a quanto pare, non accadrà quest’anno:

I ragazzi non hanno contatti con i genitori, si sentono ogni tanto con il telefono del collegio. A turno chiamano tutti, ma alcuni quest’anno non volevano neanche telefonare e per la prima volta nessuno si è ritirato perché soffriva la mancanza della famiglia.

Tra i professori alcune conferme e diverse new entry:

Ritroviamo alcuni professori storici come Andrea Maggi e Maria Rosa Petolicchio. Oltre a loro diventa di ruolo Valentina Gottlieb, ex istruttrice di aerobica della scorsa edizione. Ora insegnerà educazione fisica. Ci sono poi il baritono Marco Chingari che insegnerà educazione musicale e per la prima volta ci saranno lezioni di recitazione volute dal preside Paolo Bosisio per mettere alla prova i ragazzi. E ancora una lezione di educazione sessuale, una di informatica e a metà percorso cambierà il professore di geografia.

Infine, tra le novità, ci sarà l’introduzione della figura del bidello che diventerà per i ragazzi un vero e proprio punto di riferimento:

Dalla seconda puntata entrerà una nuova figura: il bidello, che stabilirà un rapporto di amicizia con i ragazzi al contrario dei sorveglianti che sono sempre severi e si occupano di gestire le loro vite.

Nel cast de Il Collegio 5, come anticipato, ritroveremo ancora una volta la professoressa di matematica Maria Rosa Petolicchio. L’insegnante, alle pagine de Il Fatto Quotidiano, ha raccontato:

Sicuramente rispetto alle prime edizioni, dove venivano riproposti gli anni Sessanta, c’è un avvicinamento ai giorni nostri. C’è stato un bel passo avanti. Oggi parliamo di scuola tecnologicamente avanzata, mentre negli anni Novanta si viveva la scuola ancora con una metodologia tradizionale. Non possiamo paragonare quel tipo di scuola a quella attuale. Anche il mio rapporto con i collegiali è diverso: la professoressa Petolicchio negli anni Sessanta non si concedeva neanche un sorriso, mentre adesso mi lascio più andare all’ironia e all’autoironia.

Inoltre la prof ha risposto a chi non crede nella veridicità del programma:

Io non sono un’attrice, lo si può venire a constatare in tutti i momenti del mio quotidiano: sono una docente nella vita e lo sono anche al Collegio. Non ho mai avuto alcun copione da recitare. Tutto quello che si vede di me, come degli altri, avviene in totale spontaneità. Quelle per me sono delle ferie alternative: vado al Collegio quando non lavoro a scuola, essendo una produzione estiva. Se dovessi andare lì ad effettuare il lavoro di attore sarebbe un carico troppo pesante per me, che rifiuterei.

E voi guarderete la prima puntata che andrà in onda questa sera su Rai 2? Cosa vi aspettate da questa quinta edizione?

COMMENTI