J-Ax replica all’ultima intervista di Fedez e racconta cosa è successo dopo la separazione artistica dal rapper

Martina 23 Gennaio, 2020

Tra Fedez e J-Ax c’è stato un grande sodalizio artistico: i due cantanti hanno registrato numeri da capogiro con le loro hit estive ed hanno riempito magicamente anche San Siro.

Dopo quel periodo così fortunato, però, qualcosa tra loro si è rotto, ed è piombato un inesorabile silenzio sul loro rapporto e sul perché i due si fossero repentinamente allontanati. Questo fino a quando il marito di Chiara Ferragni non ha deciso di fare un’intervista a cuore aperto con il giornalista Peter Gomez al quale – nel corso del programma La Confessione – ha raccontato per la prima volta nel dettaglio la sua versione dei fatti sulla lite con J-Ax (QUI le sue parole).

Dal canto suo, l’ex Articolo 31 non ha mai voluto replicare a queste dichiarazioni, e solo oggi – in occasione della presentazione del nuovo album ReAle – è tornato sull’argomento rispondendo alle domande di un’intervista de ilfattoquotidiano.it, e tagliando corto ha affermato:

Non mi sento un traditore e su quella questione nello specifico non risponderò mai, perché voglio si parli di me per la musica. La cosa mi è scivolata addosso e non ho niente da dire, anzi meglio se mi fate passare per il cattivo della situazione!

Nonostante il rapper non voglia in alcun modo affrontare in maniera pubblica la vicenda, nel suo nuovo disco c’è un brano Quando fuori diluvia, in cui si è sentito di raccontare cosa è successo dopo l’allontanamento da Fedez:

Quella canzone racconta esattamente quello che è successo dopo la separazione artistica da Fedez. Io ho una grande paura, è una costante della mia vita. Non importa quanti anni di carriera hai alle spalle, succede sempre che si possa perdere tutto, da un momento all’altro, per un errore o per un incidente… È un attimo. Aumenta il successo e aumenta la mia paura, la paura di perdere il futuro. Quando sono uscito dalla società Newtopia (fondata con Fedez, ndr) ho avuto una serie di piccole sfighe tanto che, ad un certo punto, ho pensato di avere la nuvoletta della sfiga di Fantozzi sulla testa (ride, ndr). Ho subito un controllo della Guardia di Finanza che poi si è risolto bene, con un nulla di fatto. Ma in quel momento pensi di tutto. Poi sono arrivate Le Iene per un servizio, poi non andato mai in onda, sulla qualità della Maria Salvador, la cannabis legale di cui sono testimonial. Praticamente un’azienda concorrente della Maria Salvador aveva messo in dubbio la qualità del prodotto. Per fortuna, dopo le analisi, è rientrato tutto perché erano accuse false. In quel momento ero pieno dei casini e pensavo ‘questo è il destino che me la sta facendo pagare’. Vivo, come tanti miei colleghi, il complesso dell’impostore.

Cosa ne pensate di queste parole?

 

COMMENTI

TAGS