Levante ammette: “Non parteciperei mai a un talent, ma sono consapevole che rappresentino realtà molto importanti per la musica d’oggi!”

Franci 12 Agosto, 2017

Levante

Affiancherà Fedez, Manuel Agnelli e Mara Maionchi nella giuria dell’11esima edizione di X Factor a partire dal prossimo 14 settembre, la cantautrice Levante, ma a quanto pare il suo futuro artistico è destinato a regalarle un sacco di soddisfazioni, visto che, stando a voci sempre più insistenti, con ogni probabilità Tiziano Ferro collaborerà con lei per la versione acustica de Il Mestiere Della Vita in uscita in autunno.

Levante, al secolo Claudia Lagona, si è raccontata nel corso di un’intervista rilasciata a Il Giorno, durante la quale ha rivelato un’importante curiosità:

Sette anni fa mi chiamarono per il provino di un talent (proprio X-Factor, ndr) ma rifiutai perché pensavo che non fosse il momento, uscivo da un periodo triste della mia vita e sentivo solo il bisogno di andarmene lontano.

Probabilmente se avesse fatto una scelta differente, la sua vita avrebbe intrapreso un corso completamente diverso:

Col senno di poi penso che accettare avrebbe accelerato il mio percorso, ma no so se sarebbe stato un bene. Suonare ovunque, infatti, mi ha molto irrobustita sotto l’aspetto emotivo. Comunque è inutile recriminare sulle “sliding doors” che la vita ci mette davanti perché non esistono certezze su come andrebbero se girassero in senso inverso. Anche se non parteciperei mai a un talent, sarei sciocca a pensare che non rappresentino realtà molto importanti per la musica d’oggi; ed è questa considerazione che mi ha spinto ad accettare.

La trentenne di Caltagirone ha, poi, raccontato della sua musica e della sua carriera:

Dei tre dischi che ho inciso, credo che Nel caos di stanze stupefacenti si avvicini di più al primo Manuale distruzione che al secondo Abbi cura di te, traversato da una saggezza che mi appartiene, ma in cui al momento non mi riconosco; perché sono bastian contraria e non sempre mi piace fare la cosa giusta.

Poi, però, la cantautrice si è corretta:

E poi qual è la cosa giusta? Non esiste. Bisogna avere cura di noi stessi, ma a volte è giusto anche farsi un po’ di male. Sono cresciuta accanto a donne forti come mia madre e come nonna Rosalia sviluppando uno spiccato senso d’orgoglio. Questo mi ha trasformato nella classica persona che, pur di non farsi aiutare dagli altri, si mette ancora di più nei guai. Ma sono abituata a uscire dalle difficoltà da sola. E ce la faccio sempre. Anche se, col tempo, ho imparato che chiedere aiuto non è un segno di fragilità, ma in alcune occasioni può diventare addirittura di forza.

Che ne pensate delle sue parole? Siete curiosi di vederla alle prese con X Factor su Sky Uno?

COMMENTI

TAGS