‘Uomini e Donne’, Carlo Pietropoli sorprende Cecilia Zagarrigo scegliendola al di fuori dello studio!

Melissa 9 Giugno, 2020

Uomini e Donne - Cecilia Zarrigo e Carlo Pietropoli

Il percorso di Carlo Pietropoli a Uomini e Donne è arrivato oggi alla sua conclusione con la scelta di Cecilia Zarrigo che, a dispetto dei mesi di lontananza forzata causata dall’emergenza Coronavirus e delle molte incomprensioni pregresse, ha detto di sì al bel tronista veneziano!

Era marzo, infatti, quando è stata registrata l’ultima puntata del Trono Classico (mai andata in onda) durante la quale Carlo aveva deciso di eliminare tutte le sue corteggiatrici per concentrarsi solo sulla conoscenza con Cecilia e Ginevra Parrini e – a differenza di quanto successo con la collega di trono Giovanna Abate che ha potuto proseguire il suo percorso nonostante la delicata emergenza – fino a qualche giorno fa il destino dell’esperienza del tronista a Uomini e Donne sembrava piuttosto incerto.

Alla fine, però, tutto è bene quel che finisce bene e il tronista è tornato in studio per mettere un punto al suo trono. Il Pietropoli allora ha deciso di incontrare per prima la Parrini alla quale ha detto che, nonostante la fortissima complicità iniziale, la distanza forzata imposta dal lockdown ha messo un freno alla voglia di conoscerla fuori dal programma dichiarando la fine della loro frequentazione.

In una location speciale, invece, Cecilia ha potuto rivivere i best moment vissuti insieme a Carlo e quest’ultimo ha potuto finalmente aprire il suo cuore alla bella corteggiatrice. Nonostante i due si fossero lasciati lo scorso marzo con un po’ di amarezza, infatti, la lontananza forzata sembra non aver fatto altro che schiarire le idee al tronista che si è quindi lasciato andare ad una romantica dichiarazione:

Ho saputo tante cose, ho saputo di una cosa importante per te che ti è venuta a mancare e mi è dispiaciuto un sacco non essere là presente. Ho pensato anche un po’ a noi, a quello che siamo stati qua dentro e al nostro percorso. Siamo partiti a bomba, tra le risate, provocarci, però piano piano si è trasformato in altro: complicità, stare bene insieme e poco alla volta fidarsi. Io con te stavo bene perché mi sentivo capito, i nostri discorsi andavano sulla stessa lunghezza d’onda. […] Dopo però sono entrati altri fattori, ho iniziato a metterti in discussione perché le parole spesso non coincidevano con gli atteggiamenti. […] Più passava il tempo e quella fiducia che avevo trovato andava a scemare e ho detto “Basta, adesso non la rincorro più” perché per me non era giusto, non mi arrivavi più, ero stanco. Dentro di me però speravo che saresti tornata perché non potevo essermi sbagliato tanto e diciamo che alla fine tu sei tornata ma la differenza l’ha fatta non tanto quello ma il come. Ti dico la verità, hai fatto l’esterna con mia mamma ed è stato moto strano perché se l’avesse fatto qualcun’altro, credimi, non l’avrei presa benissimo. Mia mamma la faccio conoscere quando voglio io e se voglio io. Tu invece mi hai fatto l’effetto contrario […] non ti nascondo che quel giorno lo metto sulla mia top 5 dei giorni più belli della mia vita. A livello di emozioni sembra ieri ma purtroppo ieri non è perché comunque sono passati due mesi e non ci vediamo da tanto. In più gli ultimi mesi li abbiamo passati a litigare e, nonostante questo, restavi sempre nella mia testa. […] Tante volte ho vissuto di rimpianti per scelte sbagliate, treni persi, perché non avevo la testa quando ero più giovane. Ad oggi ti dico che non ho più voglia di vivere di rimpianti, so che può essere un azzardo perché tra me e te mancano troppi tasselli, tanti, però io non voglio lasciare le cose a metà. Voglio viverti e voglio vivermi quello che la vita ad oggi ci ha negato, ho voglia di rischiare Cecilia ed oggi il mio rischio più grande sei te ed è per questo che ti dico che sei la mia scelta sei tu!

A dire un sì molto sentito è stata allora la Zarrigo che ha svelato al Pietropoli la forza del suo sentimento:

Mi sei mancato tu, tanto. Sei stato l’unico pensiero positivo in questa quarantena di due mesi. Sei stato l’unico pensiero costante. Ho vissuto momenti particolarmente difficili dove l’unica cosa che mi dava la forza eri tu, era il nostro percorso e il pensiero che avevo nei tuoi confronti che c’era sempre, ogni giorno. Ho parlato da sola tutti i giorni chiedendoti “Come stai? Stai bene? Cosa stai facendo?“. […] Io non avrei mai immaginato per come sono fatta io che, quando non conosco bene una persona, di avere un pensiero così costante nella mia testa. Dopo due mesi a litigare, dopo due mesi di tornare a casa a piangere, dopo due mesi dove le persone che mi stavano vicino dicevano “Carlo non fa per te. Ci stai provando ma Carlo non è quello giusto“, io dicevo “A me non interessa. Se quando torno a casa sto male, per me Carlo è quello giusto. Non mi sceglierà ma è quello giusto“. […] Mio nonno mi diceva sempre “Quando è  che mi porti a casa un ragazzo?” e io gli dicevo “Quando lo conosco te lo porto!” e a mia mamma ho detto “Sai che Carlo lo avrei portato volentieri a casa da nonno?” e quindi ti rispondo di sì! Avrei preferito litigare altre 100 volte piuttosto che non vederti per due mesi.

Nella gallery a seguire qualche foto della scelta di Carlo:

E voi cosa ne pensate? Vi aspettavate questo epilogo per il percorso di Carlo a Uomini e Donne?

COMMENTI