‘Uomini e Donne’, Marco Cartasegna parla di Coronavirus e fa infuriare il web: ecco cos’è successo! (Video)

Martina 9 Maggio, 2020

Marco Cartasegna

Dopo la breve avventura televisiva a Uomini e Donne, Marco Cartasegna ha portato avanti i suoi sogni e la sua passione per la politica e l’informazione approdando anche a Palazzo Montecitorio per parlare di cyberbullismo.

Ma non solo, questo amore per il mondo dell’economia e dell’attualità lo ha condotto anche ad aprire una pagina Instagram chiamata torcha, dove quotidianamente interagisce con i sui followers sui temi più disparati.

Nelle ultime ore, proprio su torcha, Marco ha condiviso un video in cui parla dell’attuale situazione legata al Coronavirus ed ha spiegato il suo punto di vista (QUI il video con le sue dichiarazioni a riguardo):

Di certo se abbiamo dovuto prendere delle misure così drastiche come il lockdown per salvaguardare il sistema sanitario nazionale – che alla fine è il motivo principale per cui siamo arrivati al lockdown – non è per il numero di ricoverati in terapia intensiva giovani. Il sacrificio che ci è stato chiesto lo abbiamo accettato senza fiatare, in nome della collettiva e soprattutto in nome dei nostri genitori e dei nostri nonni, perché il Covid-19 per i giovani nella stragrande maggioranza dei casi è asintomatico o non porta sintomi gravi. Trovo inaccettabile il modo in cui il sindaco di Milano Sala si è rivolto a chi ieri faceva aperitivo o comunque era nella zona dei Navigli. Non fraintendiamoci, Sala ha ragione, non dovevano stare lì, non è arrivato il momento del liberi tutti. Ma forse lui e chi si trova nelle posizioni di potere hanno dimenticato il sacrificio che abbiamo fatto e stiamo ancora facendo in primo luogo per loro. Certo siamo stati fortunati, un altro Coronavirus avrebbe potuto essere molto più letale sulla nostra fascia di età, ma non possiamo parlare per ipotesi. Questo Coronavirus per noi non è pericoloso, eppure siamo stati chiusi in casa come le fasce più a rischio. Nessuno vuole vedere i suoi cari infettati, forse chi ieri era sui Navigli abita da solo, o tra coetanei, e non ha contatti con le fasce più a rischio. [..] Non ho sentito di misure rivolte a noi o di una fase 2 che andasse per fasce di età come trovo assolutamente più sensato. Faccio un appello a chi si rivolge così ai giovani: pensateci bene, perché noi subiremo le conseguenze peggiori, il peso del debito pubblico lo pagheremo noi, le vostre pensioni le pagheremo noi, noi che abbiamo rinunciato a dei mesi della nostra vita e forse non era necessario che lo facessimo. Ora il minimo che ci è dovuto è gratitudine e rispetto.

Le sue parole – in contrasto con quelle di molti altri influencer come Giulia Salemi, Nilufar Addati e Iconize che in queste ore hanno fortemente condannato le immagini dei milanesi senza protezioni riuniti sui Navigli in violazione dell’ultimo decreto sul Coronavirus – hanno diviso e lasciato senza parole molti utenti del web che sui social hanno tuonato il loro disappunto.

Pensando di esser stato in parte frainteso, l’ex tronista è tornato su Instagram per spiegare in maniera più dettagliata e pungente il suo punto di vista:

Ho letto i commenti sotto al post e ho notato che la gente non ha capito un ca**o del mio discorso. Non ho detto che i giovani sono gli unici ad essersi sacrificati, ma ho detto che si sono sacrificati e non erano tenuti a farlo, e nessuno sta riconoscendo questo sacrificio. Anzi alla minima cosa vengono additati come responsabili, c’è un risentimento in Italia da parte di tutti, una gran voglia di incolpare. E questi commenti vengono nella stragrande maggioranza da parte di giovani che si sono fatti mettere i piedi in testa e non hanno interesse per il loro futuro economico e sociale. Nessuno o comunque pochi hanno commentato quello che ho detto sul debito pubblico che ci verrà lasciato o sulle misure inesistenti rivolte ai giovani. [..] Siamo totalmente passivi e questo mi fa paura e mi fa inca**are! Portiamo la situazione all’estremo: preferireste vivere una vita subendo, stando chiusi in casa, in cui quando usciremo non troveremo la situazione di prima, che già per molti non era idilliaca, ma anzi con una crisi ben peggiore, oppure preferireste rischiare, vivere la vita perché non siamo infiniti e non viviamo per sempre, e quindi sì il Coronavirus c’è, è pericoloso, per alcuni più che per altri statisticamente, ma vivere, rischiare e vedere cosa succede. Io non ho dubbi a riguardo ma mi sembra di essere l’unico.

Voi cosa ne pensate delle sue parole?

COMMENTI