‘Uomini e Donne’: l’opinione di Isa sulla puntata del 10/11/20

Isa 10 Novembre, 2020

Uomini e Donne

Oh ma comunque qui inizia a volerci una capacità al di sopra del comune per commentare ste puntate di Uomini e Donne, eh. Una volta scrivere i commenti era un attimo, guardavi la puntata, dicevi la tua e finiva lì, adesso praticamente io devo scervellarmi per trovare modi diversi di dire SEMPRE LE STESSE COSE perché, di fatto, sempre le stesse cose ci fanno vedere.

Cioè ora, parliamoci chiaro, ma a che cosa è servito ascoltare ‘la vocal‘ (cit.) di Michele Dentice in cui diceva le stesse cose che già Serena ci aveva anticipato nella puntata precedente e in cui, tra l’altro, il cavaliere aveva un tono distaccato e perculatorio che è praticamente LO STESSO che ha sempre avuto anche in studio di fronte alle dame con le quali sta uscendo?

Insomma, avrei capito scandalizzarsi e fare lo sgup se Michele in studio avesse professato amore e poi fosse venuto fuori quell’audio, ma se il nostro Mr Anabolizzante già in studio ha sempre schifato le sue ‘corteggiatrici’, ha sempre ripetuto che Roberta Di Padua era solo ‘la meno peggio’ e che comunque non gli è mai scattata nessuna attrazione particolare, che cazzo vi stupite e fate le indignate?

Michele è quel che è (per quanto mi riguarda poca roba, sia fuori che dentro) però il suo atteggiamento di disinteresse verso le varie dame non lo ha mai nascosto, è sempre sembrato scazzato e distaccato, le signorine hanno voluto continuare a uscirci lo stesso perché lui è bbbbbbono, ha l’occhio azzurro e il bicipite pompato, quindi adesso che non venissero a frignare e a fare quelle ferite e deluse perché di pena non me ne fanno neanche un po’, di empatia non me ne generano neanche un po’ e ribadisco che il giorno in cui in quello studio vedrò delle donne con un po’ di amor proprio, capaci di dare il benservito a un uomo palesemente disinteressato, PRIMA che quest’ultimo si stampi in fronte la scritta luminosa ‘Non ti voglio manco con gli sconti‘, sarà un giorno per me profondamente commovente.

Sto Michele, comunque, già mi è indigesto di suo, in combo con Armando Incarnato diventa letale. Se penso che dovremo andare avanti tutto l’anno con quei battibecchi stile remake poraccio di Gomorra e quegli attacchi da guappi sottotitolati alla pagina 777 di mediavideo mi sento male.

L’unico, e sottolineo, unico momento degno di nota della puntata è stato quello in cui il nostro Army aveva tentato DI NUOVO di mettere su l’ennesimo triangolo (gli uomini non vivono senza ossigeno, i pesci senza acqua, Armando senza triangoli) cercando di corteggiare quella Giulia, corteggiatrice di Michele, ma lei, nonostante il nostro Incarnato si fosse messo il giacchetto di pelle effetto busta di plastica nera da giardinaggio e si fosse cotonato la cofana in stile Arthur Fonzerelli dei poveri, lo ha friendzonato clamorosamente lasciandolo per 15 secondi buoni con questa espressione qui:

Uomini e Donne - Armando Incarnato

Grazie, Giulia, sei stata l’unica a dare un senso a questa mia ora davanti alla tv.

Ps. Ma a qualcuno, nell’universo conosciuto, importa anche solo un piccolo cazzerello delle frequentazioni di quel Biagio Di Maro?

Ps, 2 Povera Gems, lo scorso anno guanti, mascherina e distanza sociale col bel ventiseienne, quest’anno le tocca il curioso caso di Mario Button (che ha meno di 60 anni ma dimostra più di 70) che pur di non doverla avvicinare tiene nel borsello l’analgesico e finge gli attacchi di emicrania come una qualunque moglie marito-repellente di quelle che si vedono nei film americani. Forse si inizia a vedere una luce in fondo al tunnel? Forse anche Queen Mary inizia a scocciarsi di scritturare comparse farlocche per fingere relazioni con la Galgani? Non ci spero troppo, ma sognare non costa nulla.

Video della puntata: Puntata interaTina: ”Mario non utilizzare scuse da donna isterica…”Maria e Biagio dicono stopTina: ”Solo un bacio? Ma chi ci crede?” Armando e il due di piccheTina: “Roberta come mai con Michele…”Tina: ”Egregio signor Mario…”Maria: ”Ecco il messaggio audio di Michele”

COMMENTI