Valerio Lippolis scrive a IsaeChia.it: ‘Quella tra me e Nelly Vitiello era una vera e propria favola, ma come in tutte le favole c’era qualcosa che non andava.. Ora spero che Maria De Filippi mi richiami a ‘Uomini e Donne’!’

Chia 15 Novembre, 2012

Valerio Lippolis

Valerio Lippolis, ex protagonista del Trono under ed ex fidanzato di Nelly Vitiello, scrive a IsaeChia.it una lettera a cuore aperto, nella quale racconta la sua vita prima e dopo Ragazzi e Ragazze.

Valerio Lippolis scrive a IsaeChia.it: ‘Quella tra me e Nelly Vitiello era una vera e propria favola, ma come in tutte le favole c’era qualcosa che non andava.. Ora spero che Maria De Filippi mi richiami a ‘Uomini e Donne’!’

E’ passato un anno. Ho preso carta e penna ed ho deciso di scrivervi la storia di Valerio.

Sapete, non credevo di superare tanti ostacoli, tante sofferenze, dolori e paure ma devo dire un grazie a tutte le persone che mi vogliono bene, un grazie agli amici, la famiglia e la gente che ha creduto e che crede e che crederà sempre in me. Un grazie a tutti i fans.. Se penso a un anno fa immaginavo che la mia vita fosse finita li. Esattamente un anno fa non riuscivo più a ricominciare, e pregavo Dio ogni giorno che passava di farmi stare bene. Ebbene si, in quel periodo tra farmaci e cure ospedali sono riuscito man mano a recuperare una gran parte di me.

Poi tutto ad un tratto arriva una buona e bella notizia: la chiamata della redazione Mediaset per il programma Uomini e Donne, e lì incominciai a stare meglio. Ho fatto un’esperienza favolosa davvero: serate, uscite con ragazze, la bella vita tra Roma e Milano, un nuovo contesto sociale, persone diverse, modi di fare diversi. Da quella esperienza mi sarei aspettato di tutto ma non di certo di riprendermi del tutto la mia vita.

Durante il mio percorso televisivo ho conosciuto Nelly Vitiello, bella ragazza alla quale sono stato insieme dentro e fuori agli studi. Nel momento in cui conobbi Nelly per me fu una cosa veramente speciale, perché non pensavo che tra i tanti ragazzi che erano seduti su quelle sedie bianche lei potesse scegliere proprio me, in quanto la mia sensazione fu quella che non potesse provare dell’interesse nei miei confronti.

La prima cosi che mi colpi di lei fu l’aspetto fisico e quando la redazione mi domandò se volevo lasciare il numero a qualche ragazza io risposi senza pensarci due volte: “Nelly”. Il programma consisteva nello scambio di numeri telefonici e in una conoscenza più dettagliata anche fuori gli studi. Passarono giorni e ricevetti una chiamata con un numero sconosciuto; risposi e dall’altra parte della cornetta una voce disse: “Pronto, ciao sono Nelly”. In quell’istante non riuscivo a crederci. Pensavo fosse uno scherzo, ma poi la telefonata si sviluppò nel conoscerci meglio e da li iniziò un vero e proprio legame. Ci sentivamo tutti i giorni, ci mandavamo SMS sempre, ci vedevamo spesso: io salivo a Milano e lei veniva a Napoli. Quando salivo a Milano ci divertivamo tra serate, amici, shopping e bella vita. Era diventata una vera favola, ma poi come tutte le favole qualcosa che non andava c’era. In puntata non si vedeva in noi la vera persona, ma poi quando frequenti una persona 24 ore e vivi la quotidianità inizi a pensare con criterio.

Lei era una ragazza madre e molte volte dovevamo organizzarci in base alla piccola, che fra l’altro ho conosciuto ed è adorabile. Lei lavorava nei locali, mentre io lavoravo a Napoli e quindi mi dividevo tra Roma e Milano. Un periodo davvero bellissimo ma sopratutto stressante per entrambi e certe volte capitava che quando ci vedevamo litigavamo senza un motivo valido.

Entrambi eravamo premurosi, apprensivi, gelosi ma a causa dei nostri caratteri e modi di fare litigavamo spesso ultimamente, e così da persone mature con comune accordo abbiamo preso la decisione di lasciarci.

Lei è stata una persona molto importante. Grazie a lei ho superato un periodo buio e di sofferenze. Inequivocabilmente le storie sofferte molto spesso ti lasciano tanti pregi e tanti difetti. Io in quel periodo non mi riconoscevo e poi soprattutto avevo perso la mia identità ed non sapevo cosa volevo, cosa facevo. Pretendevo solo cose belle, e questo è dovuto al fatto che stavo in un contesto diverso dalla mia vita reale, ma senza nulla togliere a nessuno. E’ stato bello e la rifarei senza problemi.

Oggi dopo un anno dalla mia vecchia storia posso dirvi che è stato forse gradevole aver sofferto: ho capito tante cose ma tante, ma soprattutto a non dare mai nulla x scontato. Grazie al mio dolore oggi sono un altro uomo diverso: pacato, sempre dolce, apprensivo, geloso con rispetto naturalmente, ma sopratutto scottato dalle donne.

Be’ devo raccontarvi che ho avuto modo anche di conoscere tante ragazze belle, interessanti, con cervello, cuore e sentimento, ma purtroppo la mia testa e di conseguenza io non eravamo pronti x ricominciare una relazione. Questo è il prezzo da pagare quando resti deluso e per questo chiedo scusa anche a queste formidabili donne.

Adesso ho iniziato a lavorare tranquillamente, vado in palestra, faccio jogging, vita tranquilla ma sempre mondana. Frequento locali, gente nuova e soprattutto donne e chissà mai in una chiamata di Maria per una nuova esperienza…

Vi mando un bacio grande… Il vostro Valerio Lippolis

COMMENTI