Andrea Montovoli ospite a ‘Verissimo’ spiega perché si è ritirato dal ‘Gf Vip 4’, dice la sua su Antonella Elia, difende Fernanda Lessa e svela chi vorrebbe come vincitore

Titta 7 Marzo, 2020

Verissimo - Andrea Montovoli

Nonostante fosse uno dei concorrenti più amati di questa quarta edizione del Grande Fratello Vip, Andrea Montovoli aveva deciso, nella quattordicesima puntata, di ritirarsi dal gioco spiegando di non sopportare più la situazione di reclusione forzata che gli ricordava i suoi trascorsi in carcere.

L’attore ospite a Verissimo è tornato sulla sua decisione, spiegando cosa l’avesse spinto ad una decisione così drastica:

“Io mi son ritirato, ma in realtà ho vinto la mia battaglia, ho vinto il mio Grande Fratello. Sono andato a elaborare dentro di me varie situazioni che sono venute a galla stando rinchiuso. Ho scoperchiato questo pentolone di 17 anni fa dove praticamente ho vissuto questa situazione di reclusione forzata perché son stato in carcere!”

Quando Silvia Toffanin gli ha mostrato il momento del suo ritiro, Andrea non è riuscito a trattenere l’emozione:

“Mi sono emozionato anche adesso a guardarlo. È stato molto difficile anche abbandonare il gioco, perché si erano creati dei bei legami, con Paolo, con Fernanda, Patrick, Adriana, e ho esitato in quell’attimo perché ho pensato a loro, perché da persona altruista quale sono, ho pensato a loro. Poi sono rinsavito, ho riflettuto e ho pensato ‘io ho esaurito le mie energie mentali per stare qua dentro, ho bisogno di elaborare queste cose al di fuori, in una situazione libera, vicino ai miei familiari, vicino alle persone che mi conoscono. E ringrazio tantissimo il Grande Fratello perché per me è stata un’opportunità enorme!”

Se a L’Isola dei Famosi Montovoli non aveva mai accennato a questo suo passato così doloroso, diversa è stata la sua esperienza al Gf Vip:

“Non ero entrato con questa missione. (…) ‘L’Isola dei famosi’ è una situazione opposta, perché sei all’aperto, nella natura, qui fai un viaggio dentro di te e sei recluso. Quando esci fuori in giardino, ci sono delle mura di 10 metri, fari accesi giorno e notte. Ci sono situazioni che mi hanno ricordato tante volte il carcere, adesso non voglio fare associazioni, però la reclusione sì!”

L’ex gieffino ha raccontato di aver attraversato dopo la morte del padre, scomparso quando lui aveva solo 12 anni, un periodo difficile che l’ha portato a commettere degli errori decisamente rilevanti:

“Mi sono perso, per poi ritrovarmi. (…) Sentivo che a casa c’era tanto bisogno di me, anche economicamente, se si poteva dare una mano era una cosa importante. A quell’età è un attimo entrare in quegli imbuti dove per fare soldi facili ti ritrovi in una situazione più grande di me, fai la cosiddetta cazzata. E ho fatto questa cazzata che vorrò raccontare, perché ad oggi noi persone dello spettacolo possiamo, con una parola, dare il cattivo esempio o il buon esempio, in questa storia se posso essere da esempio per tutte le persone che mi hanno visto al Grande Fratello, che mi conoscono o non mi conoscono, posso essere un esempio, perché le cazzate le possono fare tutti nella vita, però è importante capire i propri errori e vedere il bicchiere mezzo pieno, perché se uno ha un obiettivo nella vita lo può raggiungere. I sogni arrivano, arrivano in qualsiasi situazione!”.

Dopo aver descritto quella fase della sua vita  come un vortice – “come un imbuto, una volta che entri, ti trascina verso il baratro. E quando tocchi il fondo puoi soltanto risalire! (…) Se hai voglia, puoi semplicemente risalire” – l’ex naufrago ha svelato cosa l’ha spinto a risollevarsi:

“Nel vedere i suoi occhi la prima volta che mi ha visto dietro le sbarre ho capito tante cose. Ho avuto proprio come un muro in faccia che mi ha svegliato. E lì ho conosciuto la recitazione”.

Prima ci sono stati sei mesi di carcere e poi la comunità, un’esperienza che il bellissimo 35enne ha deciso di raccontare in un libro:

“È una storia che voglio raccontare. Sto mettendo insieme tutti i miei pensieri perché vorrò scriverla, in modo che possa essere da esempio per tante persone. Oggi Andrea che si guarda allo specchio a 35 anni è un Andrea che sorride, è Andrea che grazie a quell’esperienza è diventato un attore, ha realizzato il suo sogno! Posso essere solo contento di quell’errore che ho fatto perché l’ho trasformato in una cosa bella!”

Il giovane modello ha rivelato di essere fidanzato da 8 mesi con la ragazza di cui aveva accennato anche nella Casa, anche lei all’oscuro del suo passato burrascoso:

“Non lo sapeva nemmeno lei, quindi capisci per me quanti pensieri? Nella vita normale uno si chiama al telefono ‘oh, ma cos’hai detto? Cos’è successo?’. Lì ero dentro una bolla”.

Infine Montovoli ha espresso la sua opinione su Antonella Elia, spesso al centro delle dinamiche della Casa a causa delle sue liti con altri concorrenti, come Patrick Pugliese e Fernanda Lessa che insieme a Montovoli e a Paolo Ciavarro formavano quella che loro avevano soprannominato  ‘la gang del bosco‘:

“Io ho provato all’inizio a instaurarci un rapporto, perché volevo conoscere tutte le persone nella Casa. Inizialmente abbiamo anche parlato, ma poi ho notato proprio che lei ha un atteggiamento, forse dovuto anche al suo passato – che non è stato un passato facile – lei resta molto chiusa e la vive sempre negativamente. E mi dispiace per lei perché nella vita il bicchiere va visto mezzo pieno secondo me. E cerca sempre di attaccarsi, almeno quando io ero dentro, a qualcuno! E sta continuando a farlo”.

L’ex naufrago ha inoltre voluto difendere Fernanda Lessa, accusata di aver avuto nei confronti della Elia degli atteggiamenti inopportuni:

“Secondo me quando vai a toccare le religioni è sempre sbagliato, perché anche io meditavo, non so se han fatto vedere, perché sono buddhista. Ognuno ha il suo credo, quindi Fernanda si stava facendo un bagno di sale, ma magari per togliersi di dosso la negatività che aveva respirato nella Casa…”

E ha svelato per chi tifa tra i suoi ex coinquilini:

“Io spero Paolo! Spero in una finale tra Paolo, Fernanda e Patrick che mette allegria. (…) Sono di parte, dici? Anche se Antonella è una che potrebbe arrivare in fondo”.

Scriverò questo libro mio. Questa è una cosa che voglio fare perché mi serve per continuare questo percorso che ho iniziato nella Casa“, ha concluso il giovane, rivelando di avere in cantiere anche altri progetti lavorativi: “E si stanno muovendo un po’ di cose“.

E voi cosa pensate di queste dichiarazioni di Andrea Montovoli?

COMMENTI