Can Yaman parla del suo personaggio in Daydreamer, fa l’identikit della sua donna ideale e rivela perché la presenza Demet Ozdemir ha influito sulla sua scelta di accettare il ruolo

Titta 8 Agosto, 2020

Can Yaman

Sta riscuotendo un enorme successo Daydreamer – Le ali del sogno, la serie turca in onda dal lunedì al venerdì, alle 14:45, su Canale 5: sull’onda dell’apprezzamento che il pubblico aveva mostrato per Bitter Sweet – Ingredienti d’amore la scorsa estate, Mediaset ha deciso di proporre nel suo palinsesto estivo il nuovo format con protagonista sempre Can Yaman e i dati Auditel hanno premiato questa scelta.

Sex symbol del momento, Can non ha solo conquistato il pubblico (soprattutto quello femminile), ma anche registi importanti del calibro di Ferzan Ozpetek che ha candidamente ammesso il suo desiderio di lavorare con l’attore turco che, intervistato da Daydreamer Magazine ha dichiarato di sentirsi ancora molto legato a Can Divit, il personaggio che interpreta nella soap:

A volte sento di non essere ancora uscito dal personaggio. Ho interiorizzato molti dei suoi tratti, che sono entrati a far parte di me. In generale, questo è stato il ruolo in cuì mi sono sentito più creativo, in cui la mia opinione è stata chiesta e valutata e, anche se non eravamo d’accordo, sono sempre stato ascoltato dal direttore di produzione. Ad esempio avevano dubbi sui miei capelli, i miei tatuaggi, i miei accessori…ma sono riuscito a convincerli. Per me è importante difendere le cose in cui si crede.

Can ha parlato anche dell’intesa con la sua co-protagonista Demet Ozdemir, l’attrice che presta il suo volto acqua e sapone all’ingenua Sanem, con la quale si vocifera ci sia stata una liason romantica:

Ci siamo conosciuti per la prima volta sul set di Daydreamer. Io però già seguivo le cose che faceva lei e mi piacevano. Avere Demet nel progetto è stato anche un fattore importante nella mia decisione di farlo, perché la comunicazione e l’energia con il tuo partner passano al pubblico come uno specchio. Demet è iperattiva ed è stato divertente lavorare insieme. A volte ci siamo divertiti così tanto che i nostri compagni di squadra avevano difficoltà a stare al passo con la nostra energia.

E ha raccontato com’è nata la sua carriera artistica, dopo gli studi giuridici:

Dopo la laurea in Giurisprudenza ho lavorato come praticante per sei mesi, ma poi mi sentivo pieno di energia e cominciavo ad annoiarmi. Ero seduto 10 ore al giorno davanti a un computer. Cosi ho lasciato il lavoro, sono andato in vacanza e ho conosciuto i miei agenti.

L’attore ha parlato anche del rapporto con i fan:

Di recente ho letto un’intervista a Brad Pitt in cui diceva che a volte si sente “come una gazzella tra i leoni”. È così che puoi sentirti, a volte. Sento affetto, amore e interesse da una parte, ma dall’altra la situazione può prendere una deriva soffocante e restrittiva per la tua libertà.

E di come vive le critiche degli hater sui social:

Instagram è un po’ diverso, ma Twitter a volte sconfina in una piattaforma di linciaggio. Se mostri sensibilità verso un problema sociale. vieni attaccato e ti viene chiesto perché ti disinteressi di un altro. A volte vedo messaggi e giudizi scritti con una tale mancanza di intelligenza che non posso scrivere risposte diplomatiche.

Yaman ha spiegato il perché della sua riservatezza per ciò che riguarda la sua vita privata:

Se si chiama vita privata ci sarà un motivo (ride, ndr). Vorrei che la mia vita privata rimanesse tale. Comunque non mi sforzo tanto per mantenere la mia privacy. Semplicemente non voglio pubblicizzare le mie relazioni sentimentali.

E ha commentato le relazioni che nascono sui set tra attori:

Mi sembra normale che succeda, tenendo conto che come scocca l’amore tra gli impiegati di un ufficio, ugualmente capita anche a chi lavora sul set. Ma è anche vero che, nella maggior parte dei casi quando la gente pensa ci sia un amore sul set, non corrisponde a verità.

Infine il bellissimo 30enne turco, protagonista di una nuova serie turca dal titolo Mr False, ha fornito un identikit ipotetico di una sua donna ideale:

Mi piacciono le donne femminili, meno quelle che si atteggiano a “maschiaccio” o parlano a voce alta. Non mi piacciono neppure quelle che si mostrano come donne misteriose. La mia ragazza ideale deve essere vivace, ma anche una sorta di rifugio. L’impressione, l’aurea, il profumo e il tono della voce sono importanti per me. Adoro le donne belle ed eleganti che hanno fascino, energia. I cliché sulla bellezza non mi appartengono. Sono attratto dalle donne che hanno una visione del mondo, una conoscenza e un’idea e che hanno uno spirito che fa la differenza in loro. Sarebbe bello stare con una donna che mi possa trasformare nella versione migliore di me stesso. Rispondo alla domanda perché mi è stata posta ma ovviamente non esiste la formula perfetta.

E voi cosa pensate di queste dichiarazioni del sexy attore turco?

COMMENTI