Eva Grimaldi racconta la verità sulla sua storia con Gabriel Garko (e svela come mai ha tolto il like alla foto di Adua Del Vesco)

Franci 7 Ottobre, 2020

Eva Grimaldi - Gabriel Garko - Adua del Vesco

Sia chiaro: io avrei sposato Gabriel (Garko, ndr) e lui avrebbe sposato me. Su questo non c’è dubbio perché tra noi c’è amore, amore vero, amore alto, in tutte le sue forme“. E’ con queste parole che inizia la lunga intervista di Eva Grimaldi rilasciata al settimanale Chi in edicola oggi, dopo l’emozionante lettera dell’attore durante una recentissima puntata del Grande Fratello Vip 5 e poi approfondita durante l’ospitata a Verissimo di sabato scorso. In quella occasione il sex symbol italiano ha ammesso che le storie che gli sono state attribuite in questi anni erano delle favole e che in realtà servivano a nascondere la sua omosessualità, perché altrimenti non avrebbe lavorato se avesse raccontato al mondo che a piacergli sono le gli uomini, anziché le donne. Un racconto toccante e commovente, quello di Garko, arrivato dritto al cuore degli italiani che hanno mostrato all’attore tanta vicinanza.

Tra le donne che in questi anni gli sono stati accanto, non solo Adua del Vesco, attualmente concorrente del Gf Vip, ma anche la Grimaldi, al secolo Milva Perinoni, che ha parlato del suo nome d’arte e della passione per la recitazione, nonostante gli innumerevoli ostacoli che ha dovuto affrontare:

Avevo scelto Eva come la prima donna e Grimaldi per darmi un tocco principesco dato che ero povera, nata da famiglia povera. Ma i problemi non erano legati solo al cambio nome. Ero balbuziente e dislessica e lo sono ancora. Mia madre si è presa cura di me, mi portava in strutture pubbliche. Il primo insegnamento? Avevo sempre le mani legate dietro la schiena perché mentre parlavo disegnavo le parole con le dita da mano a mano. All’inizio della mia carriera, quando sono diventata Eva Grimaldi, tanti pensavano che non fossi italiana perché avevo questa cadenza strana, spezzavo le parole. In compenso ero molto bella. Selle mie parole, dunque, poco importava alla gente.

Così è iniziata la sua carriera, esplosa con Drive In. A Roma Eva ha però conosciuto la droga di cui faceva uso per evitare di sentire la fame, finché poi non è svenuta proprio su un set e ha compreso che quella situazione non poteva più andare. Altro momento cruciale della sua carriera è stato quando sono arrivati i primi film:

Mi sono rifatta il seno e mi ha fatto infezione, così ho perso una tetta nel vero senso della parola. E per un anno sono rimasta con un seno solo. Ho fatto tanti interventi pagando di tasca mia, ma nel mentre avevo un film da girare per la regia di Damiano Damiani, Angelo con la pistola, nel quale avrei dovuto fare una scena di nudo. Allora sono andata dal regista e gli ho detto che avevo una fistola e quando mi ha risposto che avrei dovuto girarla lo stesso l’ho minacciato di fargli vedere il pelo e ha ceduto. Così ha consentito che durante quelle scene io stessi di spalle. Per tutti ero un sex symbol e mi ritrovavo su un set con un seno solo. Dopo un anno, ho rimesso una quarta e sono tornata in pista. In totale ho rifatto il seno otto volte.

Poi è arrivato Gabriel:

Eravamo, siamo, una vera coppia, fatta di pieno amore, di complicità. Lui è il mio amore e io il suo. Una coppia non lo è solo a livello sessuale. L’amore vero può essere anche non sessuale ed è l’amore più vero. Ho accettato immediatamente il suo affetto, perché lui aveva bisogno di protezione e potevo proteggerlo solo facendolo stare con me. Così abbiamo iniziato questa storia bellissima. Con Gabriel siamo stati un corpo e una mente insieme, con tante sofferenze. Gabriel aveva mollato Settimo Torinese per fare l’attore e la sua omosessualità era sempre repressa. I pianti che abbiamo visto in queste settimane, erano 30 anni di sofferenza e schiavitù. Più Gabriel soffriva, più io mi attaccavo come una madre.

E poi:

La relazione pubblica con Gabriel è iniziata a tavolino nel 1996, ricordo che vivevamo in centro a Roma, in via del Governo Vecchio. E a quel luogo tanto bello con auto, rumore, gente e chiasso poi Gabriel ha preferito il silenzio della natura, così nel 2000, quando siamo arrivati nella casa del bosco è finita la nostra storia, quella pubblica, quella dei giornali, ma ne è iniziata un’altra più profonda.

Eva ha rivelato che avrebbe addirittura fatto un figlio con Garko. E a proposito della vicenda legata ad Adua:

Sa, avevo messo un like su Instagram e un ti voglio bene come commento sotto un suo post. Ma dopo le sue dichiarazioni, dopo tutto quello che ho visto e sentito, dopo l’incoerenza, ho contato fino a 100, poi ho cancellato sia il like, sia il commento.

Che ne pensate delle sue parole?

COMMENTI