‘Gf Vip 5’, le dure parole di Stefano Bettarini dopo la squalifica: “Mi sento la pedina di un gioco al rialzo dello share!”

Martina 10 Novembre, 2020

Stefano Bettarini

Sono durissime le prime parole di Stefano Bettarini dopo esser stato squalificato ieri sera dal Grande Fratello Vip 5 a seguito di una bestemmia: “Cacciato per un’espressione colorita, per un’uscita di quelle un po’ eccessive e chiassose, come spesso siamo noi toscani. Espulso per una “parolaccia”. Non ho bestemmiato, non l’ho mai fatto e non lo farei mai. “Madoska” l’ho sentito dire spesso, per rabbia, per gioco, come intercalare. Lo uso e l’ho usato per quello che é, una storpiatura di un’altra parola che altrimenti sarebbe blasfemo pronunciare; una parola modificata nel gergo volgare proprio per evitare la censura sociale, per non risultare offensiva e imperdonabile. Più di tutto mancava proprio quello, l’intenzione di essere irriverente e irrispettoso verso la mia religione. Trovo perciò sproporzionata la “sanzione” e, dopo 21 giorni di quarantena e 5 tamponi, mi sento preso in giro; la pedina di un gioco al rialzo dello share”.

L’ex calciatore, dopo l’avventura nella prima edizione del Grande Fratello Vip dove era addirittura arrivato in finale – aveva scelto di rimettersi in gioco nella Casa più spiata d’Italia, ma questa volta – complice proprio quest’espressione ritenuta dai più offensiva – la sua permanenza nel reality show è durata davvero poco.

A difendere l’operato del gieffino, c’è come sempre la fidanzata Nicoletta Larini che con alcune Instagram Stories ha ribadito quello che già aveva detto ieri a Mattino 5, specificando che l’espressione utilizzata da Stefano non è affatto una bestemmia:

E voi cosa ne pensate della decisione del Grande Fratello? Siete d’accordo?

COMMENTI