‘Grande Fratello Vip 2’, Mario Serpa si scaglia contro le frasi pronunciate nella Casa: “L’omosessualità non è una malattia, l’omofobia sì!”

Veronica Settembre 26, 2017

Mario Serpa


La seconda edizione del Grande Fratello Vip sta facendo molto parlare di sé per delle frasi pronunciate da alcuni concorrenti che stanno indignando il popolo del web.

È di queste ultime ore la polemica che riguarda il ciclista Ignazio Moser, il quale ha rivelato di avere un diario su cui appunta i nomi delle sue conquiste amorose (QUI tutti i dettagli); e ancora, le espressioni tutt’altro che leggere rilasciate da Jeremias Rodriguez nei confronti di Daniele Bossari (QUI l’articolo).

Giorni fa, inoltre, non sono passate inosservate le dichiarazioni durissime di Marco Predolin, Jeremias e Luca Onestini contro Cristiano Malgioglio (in QUESTO post il video). Per di più Predolin già dopo pochissimi giorni aver varcato la porta rossa della Casa, si era lasciato andare a delle frasi fraintendibili: “Non tutti i gay vogliono fare le donne, alcuni sono normali” (QUI il post in questione).

Non è da meno la bella ex corteggiatrice Giulia De Lellis, nei giorni scorsi ha fatto parlare di sé per una frase a riguardo delle adozioni gay: “Secondo me i figli dei gay, la maggior parte, diventa gay!” (QUI il post).

Giulia, inoltre, ha ricevuto critiche abbastanza feroci quando pochissimi giorni fa. parlando con i suoi compagni d’avventura, ha dichiarato: “Ma guarda che io ho delle ansie… per esempio quando io sto in discoteca e c’è uno che conosco di vista e magari mi chiede una sigaretta, non so se è gay o un drogato, che ne so, magari lo conosco poco e mi chiede la sigaretta, io pur di non fumarla più gliela lascio, dico ‘non mi va più’. Lo stesso con un cocktail, magari mi chiedono un goccio, io non dico di no, però poi glielo lascio…” (QUI il video).

Tutto questo clamore sul tema dell’omosessualità non ha lasciato indifferente Mario Serpa, ex corteggiatore del Trono Gay di Uomini e Donne. “L’omosessualità non è una malattia, l’omofobia sì! Curatevi voi!” ha tuonato su Twitter l’ex commesso romano:

E voi, cosa ne pensate di tutte queste polemiche?

COMMENTI