Ivana Trump, arrivano i risultati dell’autopsia: non è morta per infarto

Il tragico epilogo era avvenuto solo due giorni fa a New York

Giusy Luglio 16, 2022

Non è stato un infarto improvviso la causa del decesso di Ivana Trump, l’ex moglie del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Stando ai risultati dell’autopsia diffusi dalla ABC, a provocare la morte della donna sarebbero state le gravi ferite causate da una caduta dalle scale.

Un incidente domestico, dunque, avrebbe messo fine all’affascinante quanto tumultuosa vita di Ivana Trump, nota al pubblico italiano per essere stata anche la moglie di Rossano Rubicondi, deceduto nove mesi fa per un tumore.

Come ha riportato Fanpage.it:

Il suo corpo è stato ritrovato senza vita sul pavimento in fondo alle scale di casa, la sua casa, nel cuore pulsante di New York. Ivana era sola e si era subito pensato ad un infarto per la 73 enne che non avrebbe così fatto in tempo a chiamare i soccorsi. Le analisi dell’autopsia ora svelano però tutt’altra storia. Raccontano che l’ex moglie del Tycoon sarebbe rimasta vittima di un incidente domestico, cadendo e battendo la testa probabilmente proprio sulle scale interne all’appartamento. Lo ha affermato l’ufficio di medicina legale della polizia di New York.

Secondo quanto racconta al Post un amico della donna, Zach Erdem, Ivana soffriva di dolori alle gambe e questo la portava a non uscire più molto spesso di casa, se non per recarsi in qualche ristorante di fiducia nei paraggi. “Mi disse che aveva dolori alle gambe e che non era in grado di neanche di uscire”, racconta la fonte. “Odio andare dai dottori, mi ammalo di più quando ciò vado”, avrebbe scherzato Ivana.

 

COMMENTI