‘Live – Non è la D’Urso’, sbarca in Italia il sito dei video auguri dei Vip (a pagamento). Tra loro anche Veronica Ursida di ‘Uomini e Donne’

Martina 8 Giugno, 2020

Live - Non è la D'Urso

Nel corso della puntata di ieri sera di Live – Non è la D’Urso si è parlato anche di Memmo, la piattaforma svedese dove si può richiedere a volti più o meno noti che hanno aderito all’iniziativa video di saluti e auguri.

Da Eva Grimaldi a Eva Henger, da Giovanni Ciacci a Heather Parisi, sono diversi i vip che fanno fanno parte dell’innovativa piattaforma, che ovviamente non ha mancato di far discutere. Il più entusiasta è sembrato essere proprio Ciacci, che ospite di Barbara D’Urso più nel dettaglio ha spiegato: “E’ tutto legale, ci paghiamo anche le tasse. Se ti vengono a vedere in un locale è uguale, tu fai autografi e video, sei pagato per fare quello, non ci vai gratis e carinamente” (QUI il video con le sue parole).

Spulciando il sito si scopre di più anche del tariffario richiesto dai vari personaggi noti per un video. La Parisi invia un filmato di auguri in cambio di 90 euro, si sale invece a 100 per l’attrice Victoria Silvstedt, che però fa sapere di devolvere la cifra in beneficenza al Fondo di solidarietà COVID-19 dell’OMS, così come Marco Ardemagni di Radio 2 che in cambio di un augurio personalizzato chiede 50 euro da destinare ad CIAI.

Tra gli altri nomi figurano Ciacci e la Henger che incassano 30 euro a video, la Grimaldi e l’ex pilota Marco Melandri che ne prendono 20, l’attrice di Centrovetrine Elisabetta Coraini che ne chiede 25 euro e il calciatore della Roma e fidanzato di Ginevra Lambruschi Mirko Antonucci che ne intasca 15.

 

Non passa inosservata agli spettatori di Uomini e Donne la presenza tra i nomi del sito di Veronica Ursida, ex dama del Trono over, che per mandare un video saluto ai sui fan chiede 20 euro.

Insomma, tra chi approva questo nuovo modo di mettere in contatto i personaggi famosi del piccolo schermo e i loro fan e chi lo condanna, questa piattaforma svedese sta iniziando a diffondersi sempre di più anche in Italia.

Voi cosa ne pensate?

COMMENTI