Pamela Prati gate, Eliana Michelazzo si sfoga su ‘Chi’: “Basta bugie! Non bisogna mettermi sullo stesso piano di Pamela Perricciolo perché…”

Stefania 29 Maggio, 2019

Eliana Michelazzo

Eliana Michelazzo è certa: dietro al polverone creato dal caso del matrimonio di Pamela Prati e Mark Caltagirone c’è la sua (ex) socia Pamela Perricciolo e lo ha confermato al settimanale Chi, uscito oggi in tutte le edicole d’Italia.

Alla rivista di Alfonso Signorini, ha raccontato come ha conosciuto la donna e come era il loro rapporto, dal momento che il sito Dagospia.com ha fatto intendere che avessero una relazione (QUI ve ne abbiamo parlato).

Ci siamo conosciute nel 2009, dopo che ero uscita da Uomini e Donne. All’inizio si occupava delle mie serate e mi faceva tenerezza perché era in sovrappeso e questa cosa la turbava, così sentivo di doverla proteggere. E’ lei che mi ha presentato mio marito Simone Coppi. Lui era molto geloso e mi disse che dovevo stare sempre con Pamela, così è venuta a vivere a casa mia. Anch’io ero gelosa di lui perché mi aveva detto che era stato con Manuela Arcuri e per questo litigavamo spesso, sempre via social network. Se ho mai pensato che Pamela fosse innamorata di me? Non si è mai dichiarata lesbica, mi disse che era stata fidanzata con Igor, il fratello di Simone e, quando le chiedevo perché non si fidanzasse, mi diceva: “Non ho più uomini né fantasia”. Con me è sempre stata affettuosa, morbosa. Avevamo ognuna la propria stanza.

Ed ha aggiunto:

Quando io e Simone ci scrivevamo lei usciva dalla stanza perché diceva che il suo telefono serviva a creare il campo, Simone era in una località segreta non coperta. Per dieci anni ho creduto a tutto, poi ho avuto i dubbi.

Entrambe gestivano la Aicos Management, l’agenzia dello spettacolo fondata dalla 40enne romana. A proposito di questa e del loro rapporto lavorativo, ha asserito:

Pamela discuteva spesso con i nostri assistiti e io dovevo cercare di tamponare. Avevo modi bruschi e diceva frasi tipo “chiamo mio padre e ti faccio vedere io”, alludendo alle accuse di presunti legami con la criminalità organizzata del genitore. Le persone erano spaventate e io le difendevo, ma poi mi arrivava il messaggio di Simone, mio marito, che mi diceva: “Fai schifo, vergognati, non devi litigare con Pamela”. Ho vissuto con il senso di colpa.

Adesso non ha più dubbi. Dietro alla fittizia identità di Simone Coppi, che per anni ha inscenato la parte di suo marito, si cela la Perricciolo.

Ci ho messo un po’ a capirlo, ma poi tutto m è stato chiaro. A volte i messaggi di Simone mi arrivavano dal numero di Pamela, sempre perché il suo telefono faceva da ponte. Era troppo anche per un’illusa come me. Penso che dietro a tutto ci fosse un discorso economico. Mi dicono che abbia chiesto soldi ad alcune persone e anche Sara Varone ha detto di aver pagato per uscire dopo essere stata agganciata da un altro Coppi. E poi sospetto che Pamela, facendo credere a tutti che fossi sposata con un potente magistrato, chiedesse continui favori.

Eliana svela la sua paura più grande, ovvero che escano delle immagini e dei video compromettenti personali, tratti dalle chat con il finto marito, come ha rivelato nel corso della scorsa puntata di Live – Non è la D’Urso (QUI tutti i dettagli). Sempre nel talk serale di Barbara D’Urso, è scoppiata in lacrime quando è stato nominato il Coppi. Ecco il motivo:

Pamela mi aveva detto che non si poteva parlare di Simone in trasmissione altrimenti la magistratura lo avrebbe punito, quindi avevo il terrore di rovinare tutto.

Questo gran caos mediatico, tuttavia, non riguarda solo lei e quella che considerava un’amica fraterna, ma anche Pamela Prati, che negli ultimi mesi è finita nel mirino dei mass media.

La conoscevo di vista, poi io e la Perricciolo abbiamo aperto un ristorante e la Prati veniva a cena da noi, così si è stabilito un rapporto più intimo. Quando ho saputo che Pamela le ha presentato Mark Caltagirone mi sono arrabbiata: “Ma non stava con Wanda Ferro e dovevano prendere un bambino in affido?”. Sapevo anche della sua situazione economica, anche se ho sempre dichiarato che non aveva problemi, l’ho difesa perché è una donna, ha 60 anni, ed è brutto parlare di debiti. La Prati mi disse che lei e Mark avevano deciso di sposarsi per dare una famiglia ai bambini che stavano per prendere in affido. E penso che anche lei ci credesse perché parlava con questi bambini, anche se poi ho scoperto che Rebecca non esisteva ed era la figlia di un agente dello spettacolo. Sebastian l’ho visto in un bar dove lo ha portato la Perricciolo.

E sulle nozze saltate:

Siamo andate insieme a vedere un ristorante a Caserta, ma alla Prati non piaceva e quindi lei e la Perricciolo sono andate in Umbria. La mia socia mi disse che aveva lasciato un acconto di 15 mila euro, 10 li aveva messi Caltagirone e 5 lei, così le ho fatto un bonifico. Ma, quando il proprietario della tenuta si è tirato indietro, ho scoperto che non era stato dato nessun assegno.

La showgirl sarda è stata di recente ospite di Verissimo, dove ha raccontato la sua versione dei fatti che non coincide affatto con la sua.

Non è stata sincera. Non doveva mettermi sullo stesso piano della Perricciolo. Io l’ho sempre protetta, non le ho mai impedito nulla, al massimo era l’altra Pamela che le impediva di fare le cose e lei si lamentava. Ha detto che avrei dovuto metterla in guardia, ma io mi scrivevo con Caltagirone e ho visto un video, per me esisteva. Ma c’è una cosa che non mi torna. L’ultima volta che ci siamo andate insieme a Verissimo e la Prati è uscita dallo studio e ero convinta che stesse andando a prendere il telefono per mostrare alla Toffanin le foto che aveva scattato con Mark, quando furono “paparazzati” dalla Perricciolo. Invece mi dissero che si era chiusa in camerino e che era al telefono. Dopo venti minuti, è uscita senza cellulare. “Dov’è il telefono? Devi far vedere la foto di Mark alla Toffanin”. Quando è tornata però ha mostrato una foto vecchia, che poi abbiamo scoperto appartenere a Marco Di Carlo, un manager dello spettacolo. “Perché non hai fatto vedere le foto di ieri?” : ” Non ci avevo pensato”. Quando Pamela doveva sposarsi e ha cominciato a tirarsi indietro l’ho implorata di fare il matrimonio perché questa cosa ci avrebbe salvato, invece lei diceva: “Litigo tutti i giorni con Mark perché lui mi offende per il mio ex”. I bambini scrivevano a me, era una situazione assurda. In termini economici, ho perso solo soldi, non ho guadagnato un euro. Ho stornato tutte le fatture di Mediaset relative al matrimonio perché ci ho messo la faccia, ho rinunciato sia ai soldi di Verissimo che di Live.

Nello studio della D’Urso, ha dichiarato di aver denunciato la sua socia, che non si è fatta attendere con la sua forte reazione.

Scoprii che aveva mostrato a una nostra collaboratrice una foto del suo polso fasciato dicevo che l’avevo medicata dopo l’aggressione con l’acido. Non era vero, non si era fatta niente, era l’ennesima bugia. Penso che sia stata un’attrice e che ci sia lei dietro a tutto. Ha minacciato gesti estremi, ha detto che si voleva ammazzare e che aveva preso una boccetta di goccine, la sera che Fanpage scrisse dei problemi della sua famiglia è collassata e ha chiamato l’ambulanza. Se vive ancora con me? L’ho mandata via, ho dato le chiavi di casa ai suoi genitori per portare via le sue cose e ho fatto denuncia perché si sono presi anche cose mie come un orologio prezioso e i regali che avevo messo via per Simone Coppi. Se ho denunciato altri? Chi ha fatto gossip su di noi, chi ha scritto falsità per distruggermi. Io sono affondata, sono andati via tutti dalla mia agenzia, c’erano 20 persone e sono rimaste in due. Ho chiuso la pagina Instagram dell’agenzia e gli sponsor si sono ritirati tutti quando hanno sentito parlare di truffa. Ho perso 100 mila euro e c’è chi ancora mi vuole devastare.

L’immagine di Simone Coppi corrisponde ad un certo Stephan Weiler e su di lui rivela che…

Lo vorrei incontrare, sono stata innamorata per dieci anni della sua immagine, voglio conoscerlo giusto per capire come è fatto, perché mio marito è alto 1.95 ed è bellissimo, ha 43 anni. Scusi, il mio ex marito virtuale.

Tuttavia, la Michelazzo deve prima rimettersi in sesto, visto che ha iniziato un percorso terapeutico.

Vado a farmi visitare dallo psichiatra Alessandro Meluzzi. Credo di avere uno sdoppiamento mentale perché la sera mi manca il messaggio di Simone Coppi, la sua buonanotte.

E voi cosa ne pensate?

COMMENTI