‘Riverdale’, alcuni attori del cast accusati di abusi e violenza sessuale: loro rispondono così

Ludovica 22 Giugno, 2020

Riverdale

Alcuni celebri attori di Riverdale sono stati al centro in una serie di accuse di abusi e violenza sessuale. A far scoppiare la bomba sono stati degli account anonimi su Twitter. Nonostante i fatti e gli account degli accusatori si siano poi rivelati falsi, i protagonisti dell’amata serie tv sono stati coinvolti in un polverone mediatico di non poco conto, tanto da aver ritenuto necessario rispondere alle illazioni mosse nei loro confronti.

Ad essere intervenuto attivamente nella discussione social è stato Cole Sprouse. L’attore, che qualche settimana fa era stato arrestato per aver preso parte alle proteste in favore di George Floyd, è stato accusato di stupro da parte di una ragazza che si è firmata con il nome di Victoria. Stando alle sue parole, durante una festa risalente al 2013 Cole avrebbe abusato di lei. La ragazza, inoltre, ha scritto di aver trovato il coraggio di raccontare l’episodio solo ora:

Twitter

Mi ha spinta sul letto e ha iniziato ad accarezzarmi il seno. Gli ho detto più volte di smettere, ma non mi ha ascoltata. Ero in lacrime e non sopportavo più l’odore di alcool che aveva il suo alito. Continuavo a dirgli di no, ma poi si è diretto verso i pantaloni.

La replica di Sprouse, sempre a mezzo Twitter, è stata inevitabile:

Twitter

Oggi sia io che altri miei colleghi abbiamo ricevuto delle false accuse di abusi sessuali da alcuni account anonimi su Twitter. Prendo queste dichiarazioni molto seriamente e sto lavorando con il giusto team per arrivare al cuore del problema.

Le false accuse danneggiano seriamente le vittime di violenza. Inoltre, non vorrei mai cercare di mettere a tacere qualcuno. Voglio incoraggiare le persone a esaminare queste accuse, visto che gli eventi sono per giunta falsi. Questa è solo l’ultima affermazione di una serie di eventi che cerca di distruggere me e i miei colleghi.

A trovarsi nel mirino delle accuse da parte di altri account –  sempre anonimi – sono stati anche Lili Reinhart, KJ Apa e Vanessa Morgan. La Rainhart ha deciso di seguire la linea di difesa adottata del collega ed ex fidanzato Sprouse intervenendo anche lei su Twitter in maniera piuttosto decisa, vista la serietà della questione:

Twitter

Ho sempre preso seriamente le accuse di molestie sessuali. Ma è ovvio che qualcuno ha creato questo account per scrivere falsità su di me e i miei colleghi. Non riesco a pensare a qualcosa di più perverso del mentire sugli abusi sessuali.

Si rischia di danneggiare uomini e donne che si sono fatti avanti con coraggio. Questo genere di bugia può rovinare la carriera delle persone. E dico che è una bugia, perché la persona che ha rilasciato quelle parole ha già dichiarato che erano inventate.

Stiamo pensando di procedere per vie legali. Questo genere di comportamento malato danneggia solo i veri sopravvissuti. Tutto ciò mi spaventa, anche perché ho sempre supportato e creduto alle vittime.

Pur non essendo direttamente coinvolta, anche Madelaine Petsch, che nella serie interpreta Cheryl, ha voluto esprimere il suo parere sui social a sostegno dei suoi amici e colleghi:

Ciao a tutti. In questo periodo mi sono concentrata molto sul movimento del Black Lives Matter. Ma oggi ho notato che qualcuno ha falsamente accusato i miei colleghi di molestie sessuali. Non capisco come si possa pensare che questa sia una cosa normale da fare.

Per tutti coloro che hanno subito abusi sessuali, non ho parole. Questa è la ragione per cui avevo paura di condividere la mia esperienza. Perché pensavo che qualcuno potesse darmi della bugiarda. Andare online e accusare quattro persone diverse di violenza, per poi dire che non era vero è una cosa davvero seria. Come vi siete permessi? Questo è il motivo per cui le vittime hanno paura di esporsi. Questa è la ragione per cui le persone non credono alle vittime di violenze sessuali.

Che ne pensate di questa spiacevole vicenda?

COMMENTI