Sanremo 2021, dopo le contestazioni a Ermal Meta e Francesco Renga arrivano le scuse di Willie Peyote

Il rapper, che al Festival ha ottenuto grandi consensi e il Premio della critica Mia Martini, aveva lanciato qualche frecciatina ai colleghi, ora arrivano le scuse

Anna Marzo 9, 2021

Sanremo 2021 willie Peyote

In questo Festival di Sanremo 2021 Willie Peyote ha fatto molto parlare di sé dentro e fuori dall’Ariston. Il rapper torinese, vincitore del premio della critica intitolato a Mia Martini, è stato infatti al centro di alcune polemiche scaturite da delle sue dichiarazioni. In particolare il cantante infatti durante le sue dirette su Twitch si era lasciato andare a dei commenti negativi nei confronti di alcuni colleghi della kermesse canora.

Il primo bersaglio degli strali di Willie era stato Ermal Meta del quale aveva ritenuto immeritato il terzo posto in classifica e commentato negativamente in particolare la scelta di eseguire il brano Caruso di Lucio Dalla nella serata dedicata alle cover. Critiche alle quali il diretto interessato aveva risposto in maniera elegante attraverso i suoi social.

Ma a essere criticato pesantemente dal rapper era stato anche Francesco Renga (e indirettamente anche Aiello). “Io credo che Renga, e mi dispiace dirlo perché lui era uno dei rappresentanti della bella vocalità all’italiana, ha ca**to sul microfono… o l’ho pensato solo io? Ti dico solo che ad un certo punto sembrava Aiello”. Queste erano state le sue parole durante una diretta radiofonica. Parole alle quali ha voluto rispondere l’ex moglie del cantautore bresciano Ambra Angiolini. “Gli altri fanno i paraculi o ca**no sui microfoni, ma quello che esce dalla sua bocca è l’unica cosa che puzza” ha detto l’attrice senza andare troppo per il sottile.

Ma non è finita qui. All’indomani della bufera mediatica Willie Peyote ha voluto pubblicare una storia in cui, seppur senza fare nomi e cognomi, si è scusato per le sue dichiarazioni. Queste le sue parole:

Ho lasciato passare un attimo perché mio sembrava più opportuno essere lucido. Ci tengo però a precisare che con i diretti interessati mi sono già fatto vivo domenica mattina appena sono stati resi pubblici i video del programma su Twitch. Con alcuni ho già chiarito, con altri spero di farlo nei prossimi giorni. Ovviamente mi rendo conto che alcune frasi non sono propriamente delle usciti felici e che quindi quando dici una minc**ata la gente te lo faccia notare.

Il rapper ha poi aggiunto:

So di essere una testa di ca**o e tra l’altro di essermi lasciato sfuggire le parole peggiori possibili e determinati commenti che potevo risparmiarmi, che sono stati detti nell’ambito di un programma con amici e comici, che voleva commentare Sanremo con un fare piuttosto goliardico, come se fossimo a casa per alleggerire un po’ la tensione del Festival. Però questa non vuole essere una giustificazione, più che altro per contestualizzare la cosa. Niente, so di essere una testa di ca**o e talvolta il microfono dovrebbero spegnermelo. Cercherò di farci attenzione ma non sono certo di poter garantire di non dire più nessuna minc**ata nella mia vita. Quello che è giusto fare è assumersi le proprie responsabilità come ho fatto e come cercherò di fare sempre. Bella, perdonatemi.

Al momento non si sa se i diretti interessati abbiamo accettato le scuse, private e pubbliche del cantante. Quel che è certo è che questo Sanremo 2021 Willie Peyote lo ricorderà per tanti motivi.

E voi cosa ne pensate?

COMMENTI