Amici 20, Emanuele Filiberto e Stash svelano chi sono i loro professori preferiti (e perché)

Il principe e il cantante, giudici del serale del talent show, confessano: “Non siamo condizionati da nulla, se non dal nostro giudizio”

Linda Aprile 7, 2021

Emanuele Filiberto Stash

Stash Fiordispino e Emanuele Filiberto di Savoia hanno fatto un bilancio della loro esperienza ad Amici 20.

I due giudici del serale del talent-show di Canale 5 – affiancati dal terzo giudice, Stefano De Martino – hanno raccontato al settimanale Chi come stanno vivendo la magia del serale. A detta di Stash, il ruolo che ricopre è una responsabilità non indifferente:

Ad Amici ormai ho individuato tutti ruoli. Prima ho partecipato come concorrente e ho vinto con i The Kolors nel 2015. Ho fatto il professore per due anni e ora sono giudice. Io ho davvero a cuore quello che vivono i ragazzi della scuola. Così anche se il giudizio deve essere lucido, nitido e imparziale, cerco di dare sempre qualche spunto, qualche consiglio. Anche in un giudizio che poi diventa un “no“. Noi prima delle puntate non parliamo mai dei ragazzi. Toglierebbe l’attenzione e la concentrazione da quello che fanno.

A detta di Emanuele Filiberto invece, la parola d’ordine per fare un buon lavoro è “obiettività“:

Il nostro compito non è quello di criticare, ma di giudicare. E credo, giudicare la singola esibizione. Anche se abbiamo dei talenti preferiti. Lasciamo indietro i nostri gusti e valutiamo quello che vediamo anche in base al nostro background. Tra di noi non parliamo mai né delle esibizioni, né delle puntate, né dei concorrenti. Parliamo di tutt’altro. Parliamo di donne. Stash veramente mi parla solo di sua figlia e della sua compagna.

Le parole di Emanuele Filiberto son state condivise dal frontman dei The Kolors che ha replicato:

Mi sta salvando. No, scherzo. Mi sa che devo dargli ragione. Se me l’avessero detto un anno fa che mia figlia e la mia compagna sarebbero diventate così essenziali. No, non ci avrei mai creduto, sto vivendo un momento talmente intenso che davvero non vedo altro.

Alla domanda dell’intervistatore, riguardo la sua posizione in mezzo ad un esperto di canto e uno di ballo, il Principe di Savoia ha spiegato di essere “Super Partes“:

Io? Io sono Super Partes come sempre. E poi, comunque, ho una grande passione per la musica. Ho avuto la fortuna di poter frequentare miti come David Bowie e Jhonny Hallyday, che era quasi mio fratello, ho anche scritto un album. Forse ho una frequentazione più internazionale, ma penso che una visione alternativa possa aggiungere qualcosa al programma.

E a proposito della sua esperienza ad Amici Celebrities:

Si, ho fatto Amici Celebrities. Ma non ci possiamo paragonare a questi ragazzi. Noi non ce la giochiamo l’, abbiamo altre carriere. Certo che so che cosa significhi mettersi da parte, ma non so quello che sentono e provano questi ragazzi. So e sento qual è la nostra responsabilità nel giudicarli, nel valutare dei talenti. Sapendo che questa trasmissione può aprire loro mille porte. Molti faranno grandissime carriere. Non solo chi vince. E questa è vera vita per chi stiamo giudicando.

Risposta al quale Fiordispino si è agganciato per sottolineare un aspetto importante:

E poi vorrei sottolineare che qui anche una sola esibizione ti permette di essere guardato e notato. Alla fine, è vero, vincerà uno solo. Ma gli altri non sono tutti secondi.

I due giudici hanno poi rivelato chi sono i loro professori preferiti all’interno della scuola. A detta di Emanuele Filiberto, è impossibile non nutrire stima per Arisa:

A me piace molto Arisa. E’ ironica e divertente. Soprattutto è una grande artista, la stimo molto.

Mentre Stash ha preferito esaltare un aspetto di tutti, con un particolare appunto su Alessandra Celentano, temutissima maestra di ballo del talent-show:

A me piace qualcosa un po’ di tutti. Mi piace la schiettezza di Rudy Zerbi, la spontaneità di Arisa, la positività di Lorella Cuccarini. L’essere battagliera di Anna Pettinelli, la tranquillità decisa di Veronica Peparini. Di Alessandra Celentano? Di lei non mi piace la cattiveria gratuita, ma la sua preparazione sì: è indiscutibile.

La sua cattiveria è anche sollecitata dalla presenza della Cuccarini non vi pare?”, ha chiesto l’intervistatore. Al quale il frontman dei The Kolors ha tuonato:

Io c’ero l’anno scorso ad Amici e non è che la Celentano avesse bisogno di sollecitazioni.

E a voi piacciono i giudici del serale di Amici 20?

 

COMMENTI