Friends, Matthew Perry: “Il mio colon è esploso a causa delle dipendenze, i medici mi avevano dato il 2% di chance di vita”

L’attore dell’amatissima serie ha raccontato per la prima volta i più oscuri retroscena della sua vita in una biografia

Linda Ottobre 20, 2022

Matthew Perry è una delle star più amate e acclamate della fortunatissima serie tv, Friends. L’attore ha voluto condividere con i suoi fan e i suoi seguaci la lotta contro la dipendenza, di cui è protagonista da ormai ben dieci anni.

Ne ha parlato nel suo nuovo libro di memorie, Friends, Lovers and the Big Terrible Thing, in uscita il mese prossimo. Ma, in particolare, ha anticipato qualche dettaglio in un’intervista a People pubblicata questa settimana:

Ho dovuto aspettare di essere abbastanza sobrio e lontano dall’alcolismo e della dipendenza per scrivere tutto. E la cosa più importante è che ero abbastanza sicuro che avrebbe aiutato le persone.

Perry ha rischiato di morire, qualche anno fa. Si è accorto di aver toccato il fondo proprio quando il suo colon è esploso a causa dell’abuso di oppioidi. Gli sono servite due settimane in coma, cinque mesi in ospedale e la sacca per la colostomia per capire di dover dare una svolta definitiva alla sua vita.

I medici hanno detto alla mia famiglia che avevo il 2% di possibilità di vivere. Mi hanno attaccato a una macchina chiamata ECMO, che si occupa dell’ossigenazione del cuore e dei polmoni. Si chiama Ave Maria, nessuno vi sopravvive” ha spiegato l’attore, prima di proseguire nel tragico racconto.

A 24 anni potevo gestirlo, più o meno. Ma all’età di 34 anni mi ero già cacciato in un mare di guai. Ma ci sono stati anni in cui sono stato sobrio. La stagione 9 è stata l’anno in cui sono stato sobrio per tutto il tempo. E indovinate in quale stagione sono stato nominato come miglior attore?

Ad un certo punto l’attore di Friends ha perso il controllo, arrivando a pesare 128 chili e a prendere 55 Vicodin al giorno. La sua dipendenza ha prodotto cambiamenti sempre più evidenti al suo aspetto:

È come i pinguini. I pinguini, in natura, quando uno è malato o molto ferito, gli altri pinguini lo circondano e lo sostengono. Gli girano intorno finché quel pinguino non riesce a camminare da solo. È un po’ quello che ha fatto il cast per me.

Il tutto condito da quattordici interventi chirurgici allo stomaco, e di 15 percorsi di riabilitazione. Nonostante il passato oscuro, sente di essere abbastanza in salute ora:

Non devo andare più in palestra, perché non voglio essere in grado di interpretare solo supereroi. È importante, ma se perdi la sobrietà, non significa che perdi tutto. La tua data di sobrietà cambia, ma non cambia altro. Sai tutto quello che sapevi prima, finché sei stato in grado di lottare per tornare indietro senza morire, impari molto. E in questi giorni, è solo «un ragazzo estremamente grato. Sono grato di essere vivo, questo è certo. E questo mi dà la possibilità di fare qualsiasi cosa.

COMMENTI