‘Ballando con le Stelle 15’, a rischio la permanenza nel talent di Alessandra Mussolini e Rosalinda Celentano: ecco che cosa è successo

Ludovica 7 Ottobre, 2020

Alessandra Mussolini e Maykel Fonts - Rosalinda Celentano Tinna Hoffman

La quindicesima edizione di Ballando con le Stelle continua a riservare sorprese poco piacevoli. I guai per il talent condotto da Milly Carlucci sono iniziati quest’estate, quando è stata comunicata la positività al COVID 19 di Samule Peron e Daniele Scardina. Il pugile, tuttavia, è riuscito a prendere parte al programma sin dalla prima puntata. Per Samuel, invece, il percorso è stato più lungo. Il ballerino si è negativizzato solo negli scorsi giorni e per questo tornerà a Ballando con le Stelle il 17 ottobre nelle vesti di ballerino per una notte al fianco di Milly Carlucci. A darne la notizia è stata la stessa Milly attraverso un collegamento con Storie Italiane di Eleonora Daniele.

A non aver vissuto un periodo facile è stato anche Raimondo Todaro il quale dopo essersi sottoposto ad un intervento è tornato a gareggiare con Elisa Isoardi lo scorso sabato.

La conduttrice grazie ai microfoni della Daniele ha poi aggiornato il pubblico sullo stato di salute di Alessandra Mussolini e Rosalinda Celentano. Entrambe stanno cercando di risolvere dei problemi che stanno seriamente mettendo a rischio la loro permanenza nel talent. La Mussolini è stata vittima di una caduta in sala prove a seguito della quale è stata riscontrata una lesione al setto nasale. Nulla di rotto, per fortuna, ma i continui giramenti di testa e il gonfiore del naso probabilmente non le permetteranno di essere sabato in pista accanto a Maykel Fonts.

Esami medici in corso anche per Rosalinda Celentano che, come rivelato dalla sua insegnante Tinna Hoffman a Storie Italiane, in queste ore si è sottoposta ad una risonanza magnetica per alcuni dolori alle ginocchia. Anche per la figlia di Adriano Celentano e Claudia Mori, quindi, si spera di trovare al più presto una soluzione che le permetta di tornare in gara.

COMMENTI