‘Live – Non è la D’Urso’, Iconize svela (finalmente) tutta la verità dietro la finta aggressione omofoba

Franci 19 Ottobre, 2020

Live - Non è La D'Urso

Dopo la furia scatenata in Barbara D’Urso domenica scorsa, ieri sera Iconize è stato ospite di Live – Non è La D’urso. Il noto influencer, dopo tanto chiacchiericcio e dopo un Tapiro D’Oro ricevuto da Striscia La Notizia, ha avuto modo di chiarire finalmente quanto accaduto in merito alla presunta aggressione omofoba che lo ha visto protagonista, messa in discussione da quella che era la sua migliore amica, ossia l’ex corteggiatrice di Uomini e Donne Soleil Sorge. La ragazza ha, infatti, rivelato che non vi sarebbe stata nessuna violenza nei confronti di Iconize, ma che quel livido in viso sarebbe frutto di un surgelato che l’influencer si sarebbe tirato in faccia proprio per inscenare tutto. Ecco le parole di Marco Ferrero ieri in trasmissione:

Io sono molto pentito di quello che ho fatto e volevo chiedere scusa a tutti per quello che ho fatto. E voglio chiedere scusa anche a me stesso perché ho fatto una cosa davvero brutta. […] Trovo triste che questa storia si stia strumentalizzando un po’ troppo. E’ brutto sentir dire che mi sono tirato un surgelato in faccia, perché non è così che è andata. Dietro ogni storia c’è tanto altro ed è per questo che sono venuto a parlarti, perché voglio raccontarti il periodo buio che ho passato. […] Ti chiedo scusa per aver usato il programma per aver dato ancora più adito a quello che ho fatto.

Poi il ragazzo ha spiegato cos’è che l’ha spinto a compiere questo gesto:

Avevo un ragazzo molto violento nei miei confronti, che però amavo tanto. Lui non riusciva ad amarmi, perché non riusciva ad accettare la sua sessualità. Io ero così innamorato di quella persona che non riuscivo a lasciarlo andare, ma mi ha spinto a fare gesti brutti, come questo. […] Lui mi ha tradito con donne, sul mio letto. Io volevo uscire con lui mano nella mano e non potevo. Una sera ho bevuto molto, ho preso anche dei tranquillanti perché non riuscivo a dormire la notte. Quella sera ho sbattuto la testa contro la porta e così mi sono procurato quei lividi. Io di questa cosa me ne vergogno e non sono mai riuscito a dirlo a nessuno, perché mi vergognavo di cosa una persona mi avesse portato a fare. Da lì ho deciso di raccontare un’altra verità.

A proposito delle dichiarazioni di Soleil e del “famoso” surgelato:

Parlavamo di come tante persone strumentalizzano certi atti e io dopo che mi sono trovato con quei lividi, ho pensato a quello che ci eravamo detti con Soleil. […] Io in quel periodo stavo malissimo, forse è stato un mio grido, un campanello d’allarme, volevo attenzioni su di me, volevo essere capito da qualcuno. […] Mi vergognavo di essermi fatto male da solo. […] Ora sto iniziando un percorso con persone che possano aiutarmi. Questa storia mi ha logorato dentro, mi ha distrutto. Sono arrivato a farmi del male in una sera di crisi totale e ho cambiato la verità, facendo un gesto bruttissimo. Io me ne vergogno. E’ stato un gesto ignobile, ingiustificabile. Sto ricevendo anche delle minacce di morte.

QUI e QUI le clip con le sue parole. Che ne pensate?

COMMENTI